Povertà ed esclusione sociale in Italia

La povertà in Europa si mantiene stabile mentre in Italia è in aumento: la popolazione a rischio di povertà o esclusione sociale è pari al 30%, vale a dire che riguarda […]

Contro la povertà, reddito d’inclusione e welfare. Dibattito a Palazzolo

Lunedì 13 marzo (ore 20,30) nella sala civica di Palazzolo è in programma un dibattito sulle politiche di welfare, con particolare riferimento alla recente approvazione della legge di contrasto alla povertà e all’istituzione del reddito di inclusione sociale.

Ne discutono: Giovanna Mantelli, componente della Segreteria provinciale dei Pensionati Cisl; Marco Menni, presidente di Confcooperative; Michele Busi, consigliere regionale; Luigi Lacquaniti, deputato.

Sindacati, Inps, Comuni e Regione fanno rete contro l’esclusione sociale

fare-reteSe la crisi economica comincia forse a dare una tregua, è anche necessario portare con forza l’attenzione sulla qualità del lavoro. I dati sull’utilizzo sempre più consistente dei […]

Per le famiglie in difficoltà, al via da domani le domande di “Sostegno per l’inclusione sociale”

family-puzzle2Da domani, venerdì 2 settembre, le famiglie in condizioni di fragilità sociale e disagio economico potranno presentare domanda di ammissione al Sostegno per l’Inclusione Attiva. La misura riguarda […]

Anci e sindacati per la contrattazione sociale su fisco, sociosanitario e lotta alla povertà

soldarietà anzianiAssicurare risposte efficaci e mirate alle tante fragilità presenti sul territorio, attraverso la contrattazione sociale territoriale. E’ l’obiettivo dell’accordo firmato tra Anci Lombardia, Cgil, Cisl e Uil regionali e le […]

Contrasto alla povertà e socio-sanitario: insufficiente l’iniziativa di Regione Lombardia

La Fnp Cisl ha predisposto due volantini che fanno il punto sulle iniziative della Regione per contrastare la povertà e sulla riduzione della compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria.

Raddoppia il numero dei poveri in Italia, ma le politiche sociali arretrano

la copertina del rapporto caritas 'il bilancio della crisi'La crisi ha raddoppiato il numero dei poveri in Italia: nel 2007 erano il 4,1% della popolazione (2milioni e 400mila persone), oggi la percentuale è salita all’8% (4milioni e 800mila italiani). Il dato è contenuto nel Rapporto Caritas intitolato […]

Anche ANTEAS in piazza contro la povertà

Oggi pomeriggio a Brescia, dalle 16 alle 19, Largo Formentone (accanto a Palazzo Loggia) si riempirà di iniziative che richiameranno l’attenzione dei bresciani sul problema della povertà. […]

Insieme contro la povertà. La Cisl bresciana rilancia la campagna “Supercent”

L’incontro promosso ieri pomeriggio dalla Cisl di Brescia per riflettere sulla povertà che anche a Brescia sta colpendo un numero sempre maggiore di famiglie, lavoratori e pensionati, ha di fatto aperto a livello provinciale le iniziative per la Giornata mondiale contro la povertà. Molti gli spunti, anche operativi, emersi dal confronto tra il gruppo dirigente Cisl, Caritas e Società San Vincenzo. Enzo Torri, Segretario generale del sindacato di via Altipiano d’Asiago, ha rilanciato l’impegno dell’organizzazione per la campagna di raccolta di aiuti della Caritas specificatamente destinata al sostegno delle famiglie in difficoltà a causa della crisi economica e occupazionale.

Giornale di Brescia – LA POVERTA’ E NOI
BRESCIAOGGI – La povertà allarga i confini

Brescia, la crisi e le famiglie in difficoltà. Oggi alle 15 un incontro alla Cisl

Anche nel bresciano la crisi economica sta risucchiando nella fascia della povertà un numero sempre più grande di famiglie monoreddito, lavoratori e pensionati. […]

Fare i conti con la povertà. Un convegno mercoledì 17 ottobre alla Cisl

La crisi economica mette in difficoltà anche nel bresciano migliaia di famiglie. Fattori diversi – disoccupazione, mancanza di opportunità di lavoro, stipendi ridotti per la cassa integrazione, aumento del costo di beni e servizi – creano situazioni diffuse di nuove povertà. La Cisl di Brescia promuove sul tema un incontro con Giorgio Cotelli, direttore della Caritas Diocesana, e Beppe Milanesi, presidente della Società San Vincenzo. L’appuntamento è per mercoledì 17 ottobre 2012 alle ore 15 nella sede Cisl di via Altipiano d’Asiago, 3 a Brescia. […]

Prima che sia troppo tardi. Impegni contro la povertà

A 40 anni dalla pubblicazione il 26 marzo del 1967 dell’Enciclica della Populorum Progressio, il mondo associativo italiano, 18 sigle tra le quali la Cisl, hanno lanciato la Campagna “Prima che sia troppo tardi” per chiedere al G8, il summit dei Paesi più industrializzati del mondo, il rispetto degli impegni contro la povertà e per lo sviluppo del Sud del pianeta. La campagna vuole essere uno strumento per richiamare movimenti e associazioni e ogni cittadino a prendere coscienza del ruolo che ognuno di noi deve assumere per invertire la rotta e raggiungere nel 2015 l’obiettivo dello sradicamento della povertà.

Un cartello amplissimo di associazioni che, impegnate nella promozione di stili di vita responsabili, si mobiliteranno in occasione del Vertice del G8 per chiedere al Presidente del Consiglio Romano Prodi e ai leader dei paesi del G8 di rispettare gli impegni internazionali assunti nei confronti dei paesi più poveri, a partire da quello di destinare lo 0,7% del PIL all’aiuto pubblico allo sviluppo garantendo un impiego corretto e trasparente delle risorse che vadano a beneficiare le popolazioni dei paesi più poveri.

La rilevanza di questa campagna è espressa e sostenuta dal messaggio che il Segretario Generale della CEI, S.E. Mons. Giuseppe Betori, ha inviato ai promotori. In esso si legge “Gli strumenti di sensibilizzazione della campagna 2007, in particolare la proposta di lavorare sulla formazione a partire da una lettura dell’attualissima Populorum Progressio, mi auguro siano di incoraggiamento per coinvolgere il maggior numero di persone, associazioni e autorità a diversi livelli”.

Tra le azioni principali promosse dalla campagna:

  • strumenti destinati alla formazione e sensibilizzazione che saranno a disposizione sul sito della campagna www.primachesiatroppotardi.it.
  • l’invio di una cartolina al presidente del Consiglio Italiano con la richiesta di rispettare gli impegni internazionali in materia di aiuti. L’azione di mobilitazione è sostenuta anche dalla Coalizione Italiana Contro la Povertà e dalla Campagna delle Nazioni Unite per gli Obiettivi del Millennio.

Leggi: