Vigili del fuoco, presidi in tutta Italia

Oggi è una giornata di mobilitazione nazionale dei Vigili del fuoco, caratterizzata da una manifestazione nazionale a Roma, in piazza Montecitorio, e una […]

La pubblica amministrazione si ferma. 8 novembre, manifestazione nazionale

imagesCA36OYDJGli statali fanno sentire la loro voce. I sindacati di categoria hanno indetto una manifestazione nazionale sabato 8 novembre a cui aderiscono 14 sigle di Cgil, Cisl e Uil (scuola, sanità, […]

I Vigili del Fuoco chiedono aiuto al Prefetto

I rappresentanti sindacali dei Vigili del Fuoco di Brescia hanno incontrato ieri il Prefetto per lamentare le gravi carenze di personale del Comando provinciale e i possibili riflessi sull’efficienza e la tempestività del servizio. […]

La Cisl per il Pubblico Impiego: faremo noi la rivoluzione che la politica non sa fare

Niente scioperi, ma una lunga stagione di protesta e proposta. La Cisl avvia la vertenza pubblico impiego con un obiettivo radicale: rivoluzionare un settore che la politica ha rinunciato a riformare.

[…]

Oggi a Roma gli Stati generali del Pubblico Impiego. Dirigenti e delegati anche da Brescia

La Cisl riunisce oggi a Roma gli Stati generali del Pubblico Impiego. «Scuola, università, ricerca, pubblica amministrazione, soccorso pubblico e sicurezza non vogliono pagare più nulla all`incapacità della politica di governare il Paese con serietà ed equità – si legge nella convocazione della manifestazione – Vogliamo dire basta al persistente accanimento sul lavoro pubblico di cui non viene riconosciuto in alcun modo il valore sociale». Una cinquantina sono i dirigenti bresciani, i delegati e gli operatori del comparto che hanno raggiunto la Capitale per questo importante appuntamento.

In una intervista al quotidiano L’Unità, Giovanni Faverin, Segretario generale della Cisl Fp, è entrato nel merito delle questioni al centro della protesta.

[…]

Uno speciale di Conquiste del Lavoro sulla Pubblica Amministrazione

Dopo le puntate su Ricerca, Sicurezza e Scuola, “Conquiste del Lavoro”  ha pubblicato uno ampio approfondimento sulla Pubblica Amministrazione, nuova tappa del viaggio del quotidiano della Cisl nei diversi comparti del Pubblico Impiego in vista degli Stati generali che si terranno a Roma il 12 ottobre.

Conquiste del Lavoro speciale PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Conquiste del Lavoro speciale SCUOLA – SICUREZZA

Conquiste del Lavoro speciale RICERCA

Il 12 ottobre a Roma gli Stati generali del Pubblico impiego

Per affermare il valore del lavoro pubblico e migliorarne la qualità, per tutelare la dignità di tanti lavoratori che prestano la loro opera con impegno e competenza, la CISL e la sue federazioni di categoria avviano una fase di forte mobilitazione in tutto il Paese e convocano per il giorno 12 ottobre 2011 a
Roma gli Stati Generali del Pubblico Impiego, della  Scuola, Università e Ricerca, del Soccorso Pubblico e della Sicurezza. La delegazione bresciana che prenderà parte agli Stati generali sarà di circa cinqunata tra dirigenti e delegati delle sei categorie interessate. […]

Condanna per l’ex direttrice di Canton Mombello: comportamento antisindacale

L’ex Direttrice della Casa Circondariale di Brescia, la dott.ssa Maria Grazia Bregoli, è stata condannata per comportamento antisindacale dalla Sezione Lavoro del Tribunale Civile di Como.
La causa è stata promossa dalla Cisl e in particolare dalla Fns (Federazione nazionale sicurezza), categoria che rappresenta anche i lavoratori della polizia penitenziaria. La condanna della dott.ssa Bregoli riguarda episodi contestati nell’esercizio della sua funzione attuale, quella di Direttrice del Carcere di Como, ma per comportamenti identici a quelli assunti a Brescia e che avevano portato la Direttrice allo scontro sistematico con il personale culminato con il suo allontanamento dalla nostra città. […]

Vigili del fuoco in Prefettura per spiegare le ragioni della protesta in atto da diversi mesi

I Vigili del fuoco di Brescia hanno presentato anche in Prefettura le ragioni di una protesta che li vede impegnati da diversi mesi ormai. Lamentano una carenza cronica di personale che costringe a turni di lavoro massacranti per potere garantire i servizi e le richieste di intervento. Alcuni esponenti del personale dipendente del Comando provinciale dei Vigili del fuoco e i rappresentanti sindacali dei lavoratori aderenti a Cgil, Cisl e Uil hanno sottolineato in modo particolare le carenze in organico nelle più alte qualifiche professionali e il forte disagio determinato dal taglio recentemente operato dal Governo ai fondi destinati alla copertura delle ore di straordinario al quale il comando di Brescia ha sempre dovuto largamente attingere per garantire un adeguato servizio al nostro territorio. I Vigili del fuoco hanno chiesto alla Prefettura di “promuovere periodiche riunioni con i sindacati per garantire un monitoraggio delle problematiche e una costante opera di sensibilizzazione del superiore dicastero”.

Il 31 gennaio sciopereranno i vigili del fuoco di Brescia

L’assemblea dei Vigili del fuoco di Brescia ha deciso per lunedì 31 gennaio una prima giornata di sciopero. I Vigili del fuoco lamentano la grave carenza di personale qualificato, confermata dal comandante, e l’inammissibilità dell’impiego di vigili coordinatori per sopperire all’assenza di capisquadra. Per i sindacati del settore, tra i quali c’è la Cisl Fns, a rischio è la sicurezza dei cittadini. Chi vuole sostenere la causa dei Vigili del Fuoco può sottoscrivere una petizione on line all’indirizzo www.firmiamo.it/noi-con-i-vigili-del-fuoco.

Vigili del fuoco verso lo sciopero

Il cittadino ha diritto a un soccorso primario quale quello garantito dai Vigili del fuoco, e per esso paga tasse. Ma la sua efficienza è minata da un organico che non ricalca minimamente le previsioni dello stesso ministero. Lo denunciano in una nota congiunta le cinque sigle sindacali (tra le quali la Cisl-Fns) che rappresentano i Vigili del fuoco di Brescia. «Mancano il 100% degli Ispettori antincendio (19 quelli previsti), il 93% dei capireparto ( ce ne sono 2 su 28), il 39% dei capisquadra (47 contro i 76 previsti). Per sopperire a questa carenza – spiega la nota sindacale – anziché sanare con passaggi di qualifica o assegnazione di personale idoneo, l’Amministrazione ha stanziato nel 2010 circa 24mila ore di straordinario (pagato 8 euro l’ora), sufficienti a coprire il servizio minimo». Ora invece, una circolare del 24 dicembre, ha ridotto a sole 1.000 ore lo straordinario previsto per Brescia per il primo semestre 2011. Per di più, l’Amministrazione ha pensato di nascondere parte del problema imponendo ai già pochi capisquadra, e senza la formazione prevista, di svolgere anche le mansioni di caporeparto e ispettore antincendio, e ai vigili coordinatori (15 anni di anzianità) di svolgere quello di caposquadra. Il buco viene sopperito inoltre da personale di nuova assegnazione, spesso non del posto e con permanenza media di soli 2 anni. Nelle squadre così calano esperienza e anzianità di servizio.
Perché si ponga rimedio alla situazione, i Vigili del fuoco hanno dichiarato lo stato di agitazione, preannunciando per fine gennaio uno sciopero.