Gli appuntamenti della settimana

E’ una settimana piena di iniziative quella che inizia oggi alla Cisl: covegni, corsi e cinema. Ecco un rapido promemoria. […]

Fare muro contro le infiltrazioni mafiose. Martedì 25 un convegno alla Cisl

Con la parola firewall – che letteralmente significa muro tagliafuoco – si definisce un sistema di protezione che mette al riparo i nostri computer dai virus informatici. Postali (Slp) e bancari (Fiba) della Cisl ha scelto il concetto di firewall per una serie di iniziative in Lombardia che intendono riflettere e far riflettere sulle infiltrazioni mafiose nell’economia della nostra regione. […]

Bancari: contratto approvato

I bancari bresciani hanno approvato l’intesa raggiunta per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro sottoscritta dall’Associazione bancaria italiana (Abi) e dai sindacati il 19 gennaio scorso. […]

Una lettera agli iscritti per affrontare insieme le scadenze di un anno impegnativo

Mariarosa Loda, Segretario generale della FIBA CISL, il sindacato che rappresenta i lavoratori del credito e assicurativi, ha scritto una lettera aperta agli iscritti per sottolineare alcuni elementi della realtà che stiamo vivendo e ricordare gli impegni di un 2011 sicuramente impegnativo. A partire dalle trattative per il rinnovo del contratto nazionale di categoria.

Un impegno appassionato e costante.

Banche: serve una nuova etica

Una nuova etica per le banche, una maggiore responsabilità sociale d’impresa. Sollecitazioni rilanciate a gran voce dalla Fiba-Cisl (Federazione italiana bancari assicurativi) nell’ottavo congresso territoriale, ieri al ristorante “Carlo Magno” di Collebeato. Un appuntamento che ha posto al centro dell’attenzione alcuni dei temi caldi del dibattito nazionale (e non solo) riguardo il futuro degli istituti di credito nell’epoca della crisi. All’ordine del giorno anche il rinnovo della segreteria provinciale e l’elezione del leader per il prossimo quadriennio. Come da previsioni della vigilia si conferma leader Maria Rosa Loda, da quasi sette anni al vertice e giunta così al terzo mandato consecutivo. Al suo fianco anche Andrea Di Noia (confermato a sua volta) e Mauro Bettenzoli (nuovo); Giorgio Caffino, dopo 10 anni, ha deciso di lasciare per motivi personali.

Prima del voto, nella relazione in apertura dei lavori, Maria Rosa Loda, ha posto l’accento sulle priorità per il sindacato. “La Fiba chiede – ha spiegato il segretario generale – una nuova etica per le banche, sia a livello locale, che nazionale. In tempo di crisi serve un dibattito sulla funzione sociale degli istituti di credito. Nessuno pretende di trasformarli in enti di beneficenza – ha incalzato la segretaria provinciale -, ma d’altro canto non possiamo accettare che l’unica filosofia imperante sia quella del profitto. Il sostegno alle famiglie e alle imprese non deve essere trascurato”. Un ritorno ai doveri sociali delle banche, dunque, che passa anche attraverso una nuova etica del lavoro. “Siamo estremamente preoccupati – ha confidato ai delegati Maria Rosa Loda – per le le pressioni che gli istituti di credito potrebbero attuare, o stanno già attuando, sui dipendenti per la collocazione di alcuni prodotti, minacciandoli in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi assegnati. Dopo le recenti e traumatiche vicissitudini nazionali – ha continuato la segretaria, con esplicito riferimento alle vicende che ampio spazio hanno trovato nelle cronache degli ultimi anni – urge un ritorno alla centralità del cliente: il rispetto del risparmiatore – ha sottolineato – è un principio inderogabile”. “Anche per il nostro comparto – ha spiegato Maria Rosa Loda a proposito della situazione occupazionale – si sta profilando una contrazione del numero di addetti a fronte di un ampio ricorso ai contratti a termine. Non sono rari i casi di licenziamento. Il sindacato può e deve fare molto per garantire il potere contrattuale delle nuove generazioni”.

Il segretario nazionale Fiba, Sergio Girgenti, ha ricordato che “dal 2004 la Cisl lavora sul tema dell’etica del risparmio, sin dalla firma del protocollo di responsabilità con le banche. Oggi, stiamo lavorando a una nuova stesura che consideri i cambiamenti nel quadro finanziario nazionale e internazionale. Si può ripartire da un maggiore equilibrio nella redistribuzione delle ricchezze pianificando le politiche occupazionale”. (www.bresciaoggi.it)

Credito e assicurativi: un congresso d’attualità

“Partecipazione, solidarietà, contrattazione”. È questo il titolo dell’ottavo Congresso territoriale della Fiba Cisl di Brescia, il sindacato dei lavoratori delle banche e delle assicurazioni, che avrà luogo domani, mercoledì 11 febbraio, nella sala convegni del ristorante Carlo Magno a Collebeato.

Mai come oggi le questioni relative al sistema del credito, alle sue regole e alla sua organizzazione, richiamano non solo l’attenzione degli specialisti ma di tutti i cittadini. Il tracollo delle grande banche d’affari americane ha portato al fallimento anche importanti banche europee e messo in allarme l’intera rete finanziaria. Una lezione durissima che però non sembra avere avuto effetti pratici nella gestione delle vendite nelle banche bresciane. “Appare francamente scandaloso – spiega Maria Rosa Loda, Segretario generale della Fiba che con la sua relazione aprirà il dibattito congressuale – che anche in presenza di una grande preoccupazione dei clienti, molte aziende non abbiano allentato le pressioni alle vendite sui dipendenti, minacciandoli in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi assegnati. Una pressione che grava, in maniera particolare sui lavoratori del settore assunti da anni con contratti precari e che oggi rischiano di perdere il lavoro e vivere il dramma della disoccupazione”. In passato le fusioni societarie hanno determinato importanti riorganizzazioni occupazionali, senza per questo arrivare mai a licenziamenti. La crisi di questi mesi mette invece il settore a confronto con questa dura realtà. “Come sindacato – preannuncia la Loda – abbiamo l’obbligo di mettere in campo tutti gli strumenti per evitare questa situazione e ciò implica la solidarietà di tutti,  testimoniando il nostro impegno in prima persona”.

I lavori avranno inizio alle 9 con la registrazione dei delegati e gli adempimenti congressuali e alle 9,45 è prevista la relazione del Segretario generale Maria Rosa Loda. Seguirà il dibattito che terminerà nel tardo pomeriggio con la votazione delle mozioni e l’elezione del nuovo gruppo dirigente.

Crisi: le banche firmano un patto sociale

Questa mattina, nella sede della provincia di Brescia, Provincia, Camera di Commercio, il Banco di Brescia – UBI-, le Banche di Credito Cooperativo e Cgil Cisl e Uil di Brescia e della Valle Camonica hanno firmato l’accordo per l’anticipo dei trattamenti di Cassa Integrazione Ordinaria e Cassa Integrazione Straordinaria ai lavoratori dipendenti delle imprese che hanno espressamente richiesto il pagamento diretto dell’indennità da parte dell’INPS, previo accordo sindacale tra le parti.

“L’accordo recepisce in sostanza – ha dichiarato Renato Zaltieri, Segretario generale della Cisl bresciana – quanto da noi richiesto, fin dai primi giorni di dicembre 2008 per quanto attiene l’apporto delle banche, in termini di intervento sociale, alla situazione di crisi. Abbiamo anche affrontato il problema del posticipo delle rate di mutuo per la prima casa, seppur con tutte le difficoltà che questa casistica rappresenta, salvaguardando comunque le migliori condizioni di legge previste”.

“Sarebbe certamente importante monitorare la situazione e conoscere i dati degli effetti del presente accordo sui lavoratori e lavoratrici – ha concluso Zaltieri – elemento, questo, indispensabile per comprendere o migliorare l’accordo se la situazione economica lo richiederà.”

Leggi il testo dell’intesa.

Congresso FIBA: governare il cambiamento

Maria Rosa Loda, Segretario generale della FIBA CISL di Brescia, la Federazione dei lavoratori delle banche e delle assicurazioni, ha aperto questa mattina i lavori del settimo Congresso della Categoria con una relazione che senza nascondere alcuna delle difficoltà che attraversano il settore del credito, oggetto in questi anni di pesanti processi di trasformazione, fusioni e accorpamenti, ha mandato un messaggio forte di fiducia e di rinnovato impegno. “I cambiamenti che avanzano sempre più rapidamente all’interno delle realtà lavorative, le nuove forme di lavoro ed i nuovi soggetti che si affacciano anche nel nostro settore – ha detto Maria Rosa Loda – ci obbligano a fare una seria riflessione sull’attuale struttura del Sindacato. In un mondo del lavoro sempre più complesso, abbiamo bisogno, anche nel nostro settore, di rafforzare e allargare i nostri orizzonti di rappresentanza confermando la confederalità come scelta che unisce nella solidarietà e nel pluralismo. E il nostro impegno si deve focalizzare nei confronti dei giovani che vivendo situazioni di debolezza e maggiore precarietà ci chiedono azioni di attenzione e solidarietà”. Quest’ultimo è stato un termine ricorrente nella riflessione del Segretario generale della FIBA CISL, quasi a sottolineare che la gestione di una ristrutturazione come quella che si è registrata in questi anni nel settore, un processo tutt’altro che concluso, si è potuta fare e si potrà continuare a fare perché azioni di solidarietà hanno reso e renderanno possibile governare esuberi e piani di uscita dal lavoro.

Va in questa direzione “la costituzione del Fondo di Solidarietà che proprio a partire dalla realtà bresciana ha mosso i primi passi attraverso numerosi accordi aziendali. È con questo strumento che si è potuto far fronte a fenomeni di esubero di personale in seguito a fusioni, incorporazioni, operazioni di razionalizzazione del settore. Con le banche bresciane, reduci da importanti operazioni di fusione ed incorporazione, è stato possibile utilizzare e rendere operativo il Fondo attraverso accordi sindacali aziendali che hanno evitato soluzioni traumatiche ai lavoratori considerati in esubero”.

Ma il quadro generale del settore è ancora in movimento. Paradossalmente, alla diminuzione dei posti di lavoro corrisponde una costante proliferazione degli sportelli bancari. “Da un giorno all’altro – ha ricordato Maria Rosa Loda – si insediano nuove aziende di credito, nuove società per la vendita di prodotti e servizi finanziari, nuovi sportelli. Il nostro impegno è quello di monitorare costantemente la situazione per poter intervenire a difesa non solo dei diritti dei lavoratori e dei livelli occupazionali, ma anche per impedire la dispersione delle professionalità e delle competenze”.

Ciò avviene principalmente attraverso la contrattazione, in particolare la contrattazione di secondo livello: “Un compito impegnativo – ha detto il Segretario generale -che ci vedrà in prima fila nella preparazione e nella gestione delle piattaforme.Il nostro primario obiettivo sarà quello di migliorare le normative già esistenti  e operare affinché  per la parte economica si possano riscuotere i dividendi del risanamento. Dobbiamo impegnarci perché una parte dei profitti vengano distribuiti anche ai lavoratori premiando il capitale umano che è il patrimonio  principale delle aziende. Dati di bilancio e prospettive delle aziende di credito sono buoni e questo dovrebbe essere un elemento positivo a sostegno delle nostre rivendicazioni”.

La relazione congressuale ha dato conto della complessità e delle difficoltà che hanno senato il rinnovo del contratto nazionale, anche perché condizionato dalle gravi difficoltà di contesto dopo lo scandalo Parmalat e Cirio, dopo la bufera suoi bond argentini e i problemi legati alle carenze della normativa. “I segnali di pericolo – ha aggiunto Maria Rosa Loda – troppo spesso venivano minimizzati, distorti, elusi a favore di una politiche aziendali tutte rivolte all’ottenimento dei risultati di breve o brevissimo periodo, orientata alla creazione di valore per l’azionista, al primato della quantità sulla qualità e degli obiettivi economici sulla soddisfazione del cliente. Quel che è poi avvenuto ha reso necessaria una riflessione attenta sul modo di essere e di fare banca e sulla necessità di proporre un’alternativa possibile, vale a dire una banca eticamente e socialmente responsabile. Dare un’impostazione coraggiosa alla nostra piattaforma ha significato dunque inserire nella nostra politica contrattuale obiettivi concreti, mutuati da una visione del capitalismo finanziario propria della CISL e della FIBA. Con queste premesse si è arrivati alla firma del Contratto nazionale che è stato giudicato in maniera positiva dalla stragrande maggioranza dei lavoratori: a Brescia l’acordo è stato approvato dall’83% dei lavoratori intervenuti alle assemblee sindacali”.

Altro versante di impegno per la FIBA CISL è quello del settore assicurativo dove le Compagnie italiane hanno scelto la strada delle concentrazioni come strada per mantenere la propria competitività. Per la responsabile sindacale questa è “una strada che privilegia la riduzione dei costi di fronte alla necessità di adeguare la qualità dei servizi offerti alla clientela, ed opera principalmente sulla riduzione degli organici e sulle politiche di accentramento dei servizi assicurativi. Uno degli effetti principali di tale politica è stato pagato dalla rete esterna dei lavoratori direzionali, in particolar modo da quella di liquidazione, l’autentica cartina di tornasole sulla qualità e sull’efficacia di un servizio assicurativo. Su questo versante le compagnie di assicurazione  devono ritrovare il coraggio di effettuare una scelta radicale, che è quella di rinunciare alla strategia della riduzione dei costi e delle esternalizzazioni (i cui vantaggi risultano spesso illusori e di breve durata) per investire con determinazione, invece, nella rete tradizionale del servizio liquidativo, vale a dire su quei lavoratori dipendenti, siano essi impiegati amministrativi che liquidatori, che sono sempre in grado di offrire visibilità alla clientela sulla qualità dei servizi”.

Chiudendo la relazione congressuale Maria Rosa Loda ha lanciato un appello per una maggiore e più incisiva presenza delle donne nel sindacato e avuto parole di gratitudine verso tutti coloro che nel settore, ai più diversi livelli, svolgono attività di promozione sindacale attraverso “tutti quei piccoli atti quotidiani che ci permettono alla fine di rendere un grande servizio ai lavoratori, nella tutela dei diritti e nell’acquisizione e nel miglioramento delle norme che regolano la vita sia all’interno del mondo del lavoro che  nella realtà in cui viviamo da cittadini. È un compito che tutti quanti svolgiamo spesso come opera di volontariato senza badare ad orari e compensi, secondo le nostre capacità ed i nostri incarichi. Anche questo è un contributo per costruire una società più giusta.È così – ha concluso Maria Rosa Loda – è anche così che un sindacato cresce, si rafforza, affronta le battaglie che a partire dal quotidiano sfociano nel contesto nazionale dando valore ai cambiamenti”.

La prossimo settimana congresso per FLAEI, FIBA, FIT e FILCA

Il calendario congressuale delle Categorie della Cisl va ulteriormente completandosi. Dopo quelli della Scuola, delle Poste e dell’Agroalimentare, la prossima settimana sono in programma altri quattro appuntamenti.

Martedì 22 marzo, nell’Auditorium della nuova sede cittadina della CISL in via Altipiano d’Asiago, saranno a Congresso i delegati dei lavoratori della FLAEI CISL (elettricità ed energia); alla relazione d’apertura del Segretario generale Daniela Manessi, in programma alle ore 9.30, seguirà il dibattito nel corso del quale interverranno anche Carlo Meazzi in rappresentanza della Segreteria nazionale della Categoria e il Segretario regionale della Flaei Giuseppe Bertozzi.

Sempre martedì, ma a Collebeato, nella sala convegni del ristorante “Carlo Magno”, sarà a Congresso anche la FIBA CISL, il sindacato dei lavoratori delle banche e delle assicurazioni. “Partecipazione, sviluppo e solidarietà” è il titolo della assemblea congressuale che il Segretario generale Maria Rosa Loda introdurrà alle 9.45 con la relazione svolta a nome della Segreteria. Ai lavori prenderà parte anche la responsabile regionale della Categoria, Fiorella Morelli.

Mercoledì 23 toccherà invece alla FIT CISL, Federazione Italiana Trasporti, svolgere il suo Congresso. L’appuntamento è nell’Auditorium CISL in via Altipiano d’Asiago a Brescia. Claudio Lonati, Segretario generale della Categoria, terrà la relazione introduttiva alle 9.30 a cui seguirà il dibattito nel corso del quale è anche previsto l’intervento del Segretario regionale Dario Balotta.

Venerdì 25, nella sala convegni del Park Hotel Ca Noa a Brescia, Congresso della FILCA CISL, la Federazione dei Lavoratori Costruzioni e Affini. Il Segretario generale Antonio Lazzaroni, che nei mesi scorsi è stato chiamato dal Consiglio generale della Categoria a prendere il posto di Giuseppe Bonaiti dimessosi dopo aver raggiunto l’età della pensione, terrà la relazione a partire dalle 9.30; seguirà il dibattito che impegnerà i delegati di quella che è una delle più numerose e importanti categorie della Cisl per l’intera giornata.

Sportelli bancari chiusi per sciopero

Banche chiuse oggi in tutta la Lombardia. I lavoratori del settore sono in sciopero per tutta la giornata. Obiettivo della protesta proclamata da Cgil, Cisl e Uil è riaprire la trattativa con l’Associazione Bancaria Italiana sul rinnovo del contratto nazionale. I risultati di bilancio delle banche – spiega la Fiba Cisl – denunciano utili straordinari, mentre i risparmiatori sono stati penalizzati e il personale dipendente è senza contratto da quasi un anno per la parte economica, e da tre per quella normativa. I sindacati denunciano inoltre l’atteggiamento “rigido e irresponsabile” dell’Abi, che sta compromettendo il recupero di fiducia degli utenti delle banche.

Lavoratori in sciopero. Banche chiuse

Venerdì 10 settembre sportelli bancari chiusi per sciopero. I lavoratori del settore si fermeranno per chiedere il rinnovo del contratto e uno stop alla politica dei guadagni ad ogni costo che perseguono le aziende.

Pur di fare cassa, infatti, le banche vendono oggi prodotti che mettono a rischio il capitale investito dagli utenti. I lavoratori delle banche vogliono che questo finisca e che gli Istituti di credito assumano una responsabilità sociale

Una nuova giornata di sciopero è prevista per lunedì 4 ottobre.

Leggi il documento unitario sullo sciopero di venerdì 10 settembre.

CISL BRESCIA: accessi in sicurezza regolati su prenotazione 030 3844511