Il peso della disuguaglianza. In Cisl convegno con Baglioni e Montanari

In occasione della pubblicazione del volume di Guido Baglioni La disuguaglianza e il suo futuro nei paesi ricchi (il Mulino, 2018), la Cisl […]

Badanti e Colf, alla Cisl un punto d’incontro per le famiglie

Le famiglie che cercano assistenza per i loro anziani o aiuto per la casa, trovano al CALF Cisl (Centro assistenza lavoro familiare) un ascolto competente e consigli su come muoversi per ottenere […]

Badanti, la nuova legge sul lavoro di cura alla prova dei fatti

l'immagine del manifesto del convegnoUna buona legge dal punto di vista dei principi. Manca una parte economica adeguata sia a sostenere l’emersione dalla irregolarità che lo sforzo richiesto agli interessati sulla formazione”. Così […]

Badanti e colf: contratto ratificato

nuovo contratto per il lavoro domesticoE’ stato formalmente ratificato al Ministero del Lavoro il  contratto collettivo nazionale per il lavoro domestico di colf, badanti e baby sitter che era stato […]

Badanti, colf e baby sitter, in vigore il nuovo contratto

badante_anziana_parcoE’ in vigore dal 1 luglio il nuovo contratto collettivo nazionale di colf, badanti e baby sitter. Il rinnovo – siglato da Fisascat Csil, Filcams Cgil, Uiltucs e Federcolf in rappresentanza dei lavoratori, e dalle associazioni Fidaldo e Domina per i datori di lavoro – prevede aumenti dei minimi retributivi che scatteranno in tre rate, all’inizio del 2014, del 2015 e del 2016. […]

Rinnovato il contratto nazionale per i lavoratori domestici (colf e badanti)

badanteanzianaDopo quasi due anni di trattativa, è stata siglata l’ipotesi di intesa per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale dei lavoratori domestici (colf e badanti). L’accordo non era stato sinora raggiunto per contrasti con le controparti riguardanti due temi in particolare: l’aumento salariale e la tutela della lavoratrice madre. […]

Il Ministero su colf e badanti, le famiglie non devono pagare la tassa fine rapporto

Nessuna “tassa” per la fine del rapporto di lavoro di colf e badanti impiegate dalle famiglie. Ad assicurarlo è il Ministero del Lavoro che ha chiarito – come chiesto con forza dalla Cisl – che il comma 31 dell’articolo 2 della legge di riforma del mercato del lavoro si applica “solo alle imprese e non alle famiglie”. Quindi, niente contributo una tantum per chi interrompe il rapporto di lavoro con la colf, la baby sitter o la badante. Il chiarimento del ministero mette fine alla vicenda che stava preoccupando non poco le famiglie italiane, per le quali il rischio era di dover sborsare fino a 1.450 euro in caso di licenziamento del lavoratore domestico.

Sull’Aspi per badanti e colf: le famiglie non possono pagare come le aziende

Colf-BadanteLa Cisl sollecita una rapida inversione di rotta sul fronte della nuova normativa sui licenziamenti o dimissioni di colf e badanti. La riforma del lavoro Fornero ha introdotto a partire dal primo gennaio 2013 l’obbligo per i datori di lavoro di colf e badanti di versare un contributo in caso di licenziamento o di fine rapporto per finanziare la nuova indennità di disoccupazione – l’Aspi –  che anche questi lavoratori in futuro potranno prendere. […]