Dalla parte di chi è in fuga e in pericolo
TORNA INDIETRO

Dalla parte di chi è in fuga e in pericolo

Una scelta di campo per l'accoglienza. Oggi in città una marcia alla quale la Cisl non è mancata

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 15 Ottobre 2022

Nel segno dell’inclusione e della solidarietà, oggi pomeriggio alcune centinaia di bresciani – e con loro la Segreteria provinciale della Cisl, dirigenti di categoria e dei servizi, operatori di categoria, presidente e operatori di Anolf Brescia – si sono dati appuntamento nello slargo urbano a fianco di Palazzo Loggia per manifestare in favore dell’accoglienza.

Nell’intervento introduttivo di Camilla Bianchi del Coordinamento Enti Locali per la Pace, è stato ribadito il senso di un appuntamento che si ripete ormai da diversi anni: non esistono profughi di serie A o serie B, tutti hanno diritto ad essere accolti. Un’accoglienza diffusa, strutturata, equa e capillare, anche nei confronti di chi fugge non solo da guerre, ma anche da crisi economiche, climatiche, sociali o da dove i diritti vengono negati. Toccante l’esperienza portata da un rifugiato politico pakistano

Al termine degli interventi ha preso il via la marcia vera e propria che si è snodata per le vie del centro.