La Cisl dice no ai rincari delle rette nelle case di riposo
TORNA INDIETRO

La Cisl dice no ai rincari delle rette nelle case di riposo

Si cambi piuttosto il modello organizzativo e gestionale

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 13 Ottobre 2022

Il mondo delle case di riposo bresciane è in allarme per i problemi di sostenibilità delle strutture residenziali per gli anziani di fronte all’aumento dei costi energetici, ma i problemi riguardano anche – ma forse bisognerebbe dire soprattutto – un sistema organizzativo e gestionale da ripensare radicalmente.

È il messaggio che la Cisl provinciale manda alle istituzioni e alle associazioni di riferimento delle strutture residenziali per anziani, illustrato questa mattina in una conferenza stampa tenuta da Maria Rosa Loda della Segreteria provinciale della Cisl, e da Giovanna Mantelli, segretario generale della federazione dei pensionati Cisl.

C’è la necessità di azioni coerenti e innovative, perchè pensare di coprire i maggiori costi di gestione registrati negli ultimi mesi con l’automatismo dell’aumento delle rette è sbagliato e metterebbe in crisi migliaia di famiglie.

È arrivato il momento di mettere fine a campanilismi e gelosie, impostando processi di aggregazione condivisi tra le realtà di piccole e medie dimensioni, per ottenere quelle economie di scala funzionali a una migliore gestione. Perché potrebbero venire da qui quei risparmi necessari a compensare, almeno in parte, l’aumento dei costi energetici.

Contestualmente occorre fermare l’efficientismo organizzativo che calcola esattamente i minuti – 951 minuti a settimana – che gli operatori possono dedicare a ciascun anziano: una pericolosa “meccanizzazione” dei servizi che disumanizza il rapporto tra persona che ha bisogno (l’anziano) e persona chiamata a dare a quel bisogno una risposta (l’operatore), penalizzando la qualità dell’assistenza e mettendo sotto stress lavoratrici e lavoratori.

Sono problemi sui quali va aperto un confronto a livello territoriale-bresciano, sul modello di quello già attivo in Regione, per aiutare società e istituzioni a prendere atto che l’invecchiamento della popolazione impone un’agenda di azioni straordinariamente urgenti e complesse.

 

I DATI

Il quadro statistico di riferimento è da allarme rosso. Siamo sprofondati in un inverno demografico preoccupante (l’ISTAT avverte che la popolazione bresciana calerà di oltre 9.000 abitanti nei prossimi 10 anni, che i giovani con meno di vent’anni passeranno da 235mila a 202mila, che un bresciano su 5 avrà più di 70 anni, che le persone con limitazioni funzionali e bisognose di assistenza e cure sono in costante aumento.

Quando le famiglie non riescono più a gestire le problematiche dell’invecchiamento di un loro componente sono costrette a cercare una soluzione nella rete delle case dì riposo, nella definizione tecnica più corretta: Residenze Sanitarie Assistenziali.

Nella ATS di Brescia sono 86, per complessivi 7.066 posti letto

La maggior parte (67) sono Fondazioni e la natura giuridica è in prevalenza “privata”.
Sono soprattutto di piccole e medie dimensioni: 29 quelle che hanno meno di 60 posti; 43 le case di riposo tra i 60 e i 120 posti; 14 quelle tra i 120 e i 200 posti.

La retta media giornaliera va da un minimo di 56,23 ad un massimo di massimo di 62,93.