Un contratto integrativo provinciale per aumentare i salari
TORNA INDIETRO

Un contratto integrativo provinciale per aumentare i salari

Dopo Bresciaoggi anche il Giornale di Brescia dà voce al mondo del lavoro sulla ripresa e sulle attese rispetto alle elezioni

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 24 Agosto 2022

Oggi è il Giornale di Brescia a proporre ai suoi lettori una doppia pagina con le aspettative del mondo del lavoro in vista delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre.

“Le imprese e il lavoro devono tornare al centro dell’agenda politica del nostro Paese e dunque
della campagna elettorale. – sintetizza il quotidiano in prima pagina – A liste depositate, le categorie economiche e i sindacati bresciani si esprimono sulle priorità e chiedono risposte serie e soluzioni veritiere […]. Diversi gli accenti, ma la sostanza dell’agenda collima”.

Nel sommario di prima pagina il Giornale di Brescia inserisce la sollecitazione della Cisl bresciana: “Serve un nuovo passo sociale”.

Nell’articolo interno, la dichiarazione del segretario general Alberto Pluda muove dalla sottolineatura delle difficoltà delle famiglie: “Serve un nuovo patto sociale per dare loro respiro, considerando il
caro bollette e le difficoltà in cui si trovano le aziende. A Brescia le relazioni sindacali con i
datori di lavoro devono diventare più forti. Bisogna costruire un percorso che porti ad un contratto integrativo provinciale delle categorie”.

L’obiettivo è l’aumento dei salari, anche attraverso la detassazione di alcune voci del riconoscimento economico destinato ai lavoratori: “La politica – conclude Pluda – ci dia una mano in questo senso”.