La sanità migliora se c’è dialogo sociale
TORNA INDIETRO

La sanità migliora se c’è dialogo sociale

Documento di sintesi delle assemblee in città e in provincia promosse dai sindacati dei pensionati

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 6 Luglio 2022

Qualsiasi cambiamento va realizzato e costruito coinvolgendo i cittadini. È la conclusione del documento di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil sul sistema sanitario regionale che fa sintesi delle assemblee dedicate all’illustrazione della riforma promosse dai sindacati dei pensionati in città e in provincia.

È stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa alla quale per la FNP Cisl provinciale hanno partecipato il segretario Battista Alghisi e il coordinatore Fnp per Brescia città Angelo Galeazzi

Un documento molto dettagliato che affronta tutte le voci problematiche dell’organizzazione della sanità per i cittadini, dal ruolo dei medici di base (che va rafforzato, provvedendo a risolvere il problema della carenza di queste figure e i disagi che genera) alla accessibilità dei servizi (è urgente avviare punti di accoglienza individuandone luoghi di facile accesso e riconoscibilità e predisponendo accordi con i Comuni per definire congiuntamente l’utilizzo delle risorse), delle liste d’attesa (che potrebbe essere meglio gestito con agende uniche tra pubblico e privato) alle case di riposo (il sistema delle RSA va affrontato alla luce sia delle risorse economiche che la Regione assegna, sia del fatto che gli ospiti presentano forti bisogni più di natura sanitaria che assistenziale).

 

Sanita’, problemi e proposte