Lavoratrici e lavoratori delle RSA: pazienza finita
TORNA INDIETRO

Lavoratrici e lavoratori delle RSA: pazienza finita

Protesta regionale a Milano davanti alla sede di Assolombarda

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 27 Giugno 2022

Tatiana Vezzini, operatrice di Cisl FP Brescia, e un delegazione di lavoratrici e lavoratori delle Case di riposo bresciane hanno partecipato questa mattina a Milano alla manifestazione davanti alla sede di Assolombarda per chiedere il rinnovo del contratto di lavoro scaduto da oltre dieci anni.

I sindacati sono scesi in piazza con bandiere e cartelli per avvertire Aris e Aiop – le due associazioni che raggruppano le strutture residenziali per anziani gestite da laici e da realtà religiose – che questa volta la pazienza d lavoratrici e lavoratori è davvero finita.

Aris e Aiop si erano impegnate a rinnovare il contratto una volta raggiunto quello della sanità privata. Ebbene, sono passati due anni dalla firma di quel contratto e l’impegno non è stato mantenuto, mentre tutti gli altri contratti del settore sono stati rinnovati.

I lavoratori delle RSA, in prima linea nei mesi drammatici della pandemia, rivendicano dignità e chiedono rispetto: non è più tollerabile alcun rinvio. Il rinnovo contrattuale deve assicurare sia  l’adeguamento retributivo che quello dei trattamenti normativi, ormai vecchi e superati.

Se non arriveranno risposte da Aris e Aiop le organizzazioni sindacali sono pronte a dare il via una articolata serie di iniziative di protesta.

 

clicca sul particolare per ingrandire la fotografia