La Cisl per gli Amministratori di sostegno | Scopri di più

Un dono alla Croce Verde nel ricordo di Beppe Orizio
TORNA INDIETRO

Un dono alla Croce Verde nel ricordo di Beppe Orizio

Lo hanno voluto familiari ed amici del sindacalista (e sindaco) scomparso a dicembre del 2020

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 21 Maggio 2022

I care, mi sta a cuore. Il motto della scuola di Barbiana di don Milani è sempre stato un riferimento importante per Beppe Orizio – sindacalista della Cisl, per due mandati anche sindaco della sua Castegnato – scomparso all’età di 70 anni nel dicembre del 2020.

Per ricordare l’attenzione che Beppe aveva per ogni realtà problematica dell’umanità che incontrava, per ogni persona, per ogni bisogno di cui veniva a conoscenza, familiari e amici hanno deciso di donare alla Croce Verde di Ospitaletto un mezzo di trasporto sanitario attrezzato.

È stato consegnato questa mattina nella sede del sodalizio, alla presenza della moglie di Beppe, Virginia, dei figli e dei nipoti, e di tanti che hanno voluto testimoniare chi l’amicizia, chi la stima, chi la gratitudine verso Orizio: dai suoi colleghi e amici della Cisl ai sindaci di Ospitaletto e di Castegnato, dai responsabili della Croce Verde a don Fulvio Ghilardi, già parroco di Castegnato.

Sulla fiancata del mezzo i donatori hanno proprio voluto che ci fosse scritto Mi sta a cuore. Un programma politico più che una semplice frase, una sollecitazione a farci carico del dovere della concretezza nei  tempi difficili che stiamo vivendo. Concetti richiamati nei diversi interventi che hanno caratterizzato la cerimonia.

“Il mondo lo si può guardare in tanti modi e da tanti punti di vista differenti – ha detto il segretario provinciale della Cisl Alberto Pluda – Quello di Beppe era la prossimità attiva, verso tutti. Perché la chiave di una vita ben spesa sta nel prendersi cura gli uni degli altri, prendersi cura dei più deboli tra noi, dei nostri vicini; del nostro pianeta, delle generazioni future”.

Il dono di familiari e amici alla Croce Verde renderà la vita meno difficile a tante persone, le più fragili e le più deboli, quelle che Beppe aveva più a cuore.