Giorno della Memoria, contro il pericolo dell’indifferenza
TORNA INDIETRO

Giorno della Memoria, contro il pericolo dell’indifferenza

Anche quest'anno il programma delle iniziative condizionato dal Covid

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 21 Gennaio 2022

“L’indifferenza è il pericolo più grande nelle democrazie stanche”. Lo ha detto questa mattina Emilio Del Bono, sindaco di Brescia, intervenendo in Palazzo Loggia alla presentazione delle iniziative per la Giornata della Memoria del prossimo 27 gennaio, nel ricordo delle vittime delle leggi razziali del fascismo e dell’orrore dei campi di concentramento del nazismo.

Da qui l’impegno di istituzioni, sindacati e associazionismo bresciano per occasioni di riflessione, confronto e dibattito, purtroppo condizionate anche quest’anno dalla pandemia ma ugualmente messe a calendario nel rispetto delle norme di contrasto alla diffusione del virus.

 

Loda (Cisl): “Confermati i momenti più ufficiali della Giornata”

“Anche se la partecipazione sarà ridotta la minimo – sottolinea Maria Rosa Loda, componente della Segreteria provinciale della Cisl che ha preso parte alla conferenza stampa di questa mattina – sono confermati i due momenti più ufficiali della Giornata: giovedì 27 gennaio, a mezzogiorno, ci sarà l’omaggio al Monumento del Deportato in piazzale Cremona, mentre alle 15 , con le altre associazioni e i rappresentanti delle istituzioni saremo in piazza Militari bresciani Caduti nei lager dove terminava sempre la fiaccolata che per iniziativa di Cgil Cisl Uil chiudeva le manifestazioni della Giornata”.

 

Una data simbolica di grande significato

Il 27 gennaio del 1945 con l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz da parte delle truppe alleate, veniva alla luce il più grande dei campi di sterminio nazista. Il Giorno della Memoria è dedicato al “ricordo dello sterminio del popolo ebraico, delle leggi razziali, della persecuzione italiana dei cittadini ebrei, degli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, sì sono opposti al progetto di sterminio e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”.

 

Giorno della Memoria 2022 – QUI il programma completo