La Cisl per gli Amministratori di sostegno | Scopri di più

Già numerose le domande per l’Assegno Unico
TORNA INDIETRO
cafinas

Già numerose le domande per l’Assegno Unico

Da INAS e CAF Brescia tutta l'assistenza per la presentazione delle domande

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 9 Gennaio 2022

L’INPS fa sapere che sono già oltre 260mila le domande per l’Assegno Unico arrivate all’Istituto da inizio anno.

All’argomento abbiamo dedicato un ampio articolo (clicca QUI per rileggerlo e scaricare gli allegati) ma vale la pena ricordarne ancora finalità e contenuti, ribadendo che INAS Cisl Brescia e CAF Cisl provinciale si sono coordinati per offrire a chi ne ha la necessità tutta l’assistenza necessaria alla presentazione delle domande.

La misura sostituisce le detrazioni fiscali per carichi di famiglia e l’assegno per il nucleo familiare (Anf). È destinato ai lavoratori dipendenti, agli autonomi, ai pensionati e ai disoccupati, ed è questa la ragione della sua definizione completa: Assegno Unico Universale.

Possono fare domanda tutti i cittadini italiani o europei o con permesso di soggiorno, residenti in Italia da almeno due anni e che qui pagano le tasse. L’assegno verrà accreditato a partire da marzo per ogni figlio a carico dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età; non vi sono senza limiti di età nel caso di figli disabili.

 

Qual è il valore dell’Assegno Unico?

In presenza di un ISEE pari o inferiore a 15.000 euro, l’assegno unico avrà un valore massimo di 175 euro al mese per i minorenni e di 85 per i maggiorenni tra 18 e 21 anni.

Per le famiglie con ISEE dai 40 mila euro in su, l’assegno sarà di 50 euro al mese per i figli minorenni e di 25 per i maggiorenni.

A questi importi si aggiungono in alcuni casi specifici delle maggiorazioni:

L’importanza dell’ISEE

Per ottenere i benefici legati al reddito è necessario presentare l’ISEE; a chi fa domanda senza allegare la certificazione verrà corrisposto l’importo minimo di 50 euro mensili.