La Cisl per gli Amministratori di sostegno | Scopri di più

Morti sul lavoro, appello alle istituzioni e agli imprenditori
TORNA INDIETRO

Morti sul lavoro, appello alle istituzioni e agli imprenditori

Cgil, Cisl, Uil Lombardia chiedono risposte urgenti e assunzione di responsabilità

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 14 Dicembre 2021

Da inizio mese in Lombardia si sono registrati quattro infortuni mortali sul lavoro, che si aggiungono ai 42 registrati dalle Ats da inizio anno, mentre i dati INAIL aggiornati a ottobre 2021 ne riportano ben 140 nella nostra regione. Dati allarmanti, in un quadro nazionale che conta circa 450mila infortuni complessivamente di cui 1017 mortali, con un aumento del 16% nel settore delle costruzioni con 24mila denunce di infortunio.

Una strage inaccettabile, mai frutto della casualità, che impone risposte immediate dalle Istituzioni ad ogni livello e assunzione di responsabilità da parte dei datori di lavoro.

La salute e sicurezza di lavoratrici e lavoratori – scrivono Cgil Cisl Uil Lombardia in una nota – vengono prima di tutto. Non sono accettabili ritmi di lavoro eccessivi, non si può operare in assenza di formazione e senza che siano preventivamente attuate le misure di prevenzione da chi ha la responsabilità dell’attività stessa. La prevenzione è in capo all’imprenditore.

I sindacati chiedono al Governo e alla Regione di rafforzare il fronte ispettivo, istituire una task force sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, qualificare le imprese attraverso la patente a punti e dare così attuazione alla previsione legislativa inapplicata da oltre un decennio.