Pensionati Cisl, Giovanna Mantelli riconfermata alla guida della categoria
TORNA INDIETRO

Pensionati Cisl, Giovanna Mantelli riconfermata alla guida della categoria

Conferme anche per Battista Alghisi e Gino Toffolo nella Segreteria provinciale FNP

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 10 Dicembre 2021

Con un consenso unanime del nuovo Consiglio generale, Giovanna Mantelli è stata rieletta alla guida dei Pensionati Cisl. Il voto è stato l’ultimo atto del 3° Congresso provinciale della FNP Cisl che ieri e oggi ha visto riuniti 100 delegati in rappresentanza dei 45.000 iscritti alla categoria.

Prima del voto per il nuovo Consiglio generale, per l’elezione del segretario e della Segreteria, i delegati hanno approvato all’unanimità una mozione conclusiva che impegna il gruppo dirigente per il prossimo quadriennio sui temi chiave emersi nel corso della due giorni.

 

3° CONGRESSO FNP CISL Brescia e Valle Camonica- MOZIONE FINALE

 

Dopo la sua elezione Giovanna Mantelli ha proposto ai consiglieri di confermare anche i suoi due colleghi di Segreteria, Battista Alghisi (a sinistra nella foto) e Gino Toffolo, e così è stato.

 

L’intervento del segretario provinciale CISL Brescia 

Anche la seconda giornata congressuale è stata caratterizzata da un ampio dibattito portando a 25 gli interventi (nella galleria fotografica al piede dell’articolo alcuni dei delegati e degli invitati che hanno preso la parola) che si sono alternati al microfono del Congresso.

Ad essi si sono aggiunti quelli degli invitati, e tra questi il segretario provinciale della CISL Alberto Pluda che ha avuto parole di sincero apprezzamento per il lavoro della Segreteria FNP e il fondamentale contributo dei suoi volontari nel dare concretezza alla presenza della Cisl in ogni angolo della nostra provincia.

Pluda si è poi soffermato sull’attualità sindacale, con l’incomprensibile proclamazione di uno sciopero generale: “Abbiamo ottenuto nel confronto con il Governo misure che vanno tangibilmente a migliorare la condizione economica delle persone, ma nel movimento sindacale c’è purtroppo una rincorsa alla visibilità per la visibilità che è un’offesa al buon senso”.