Per un futuro senza violenza sulle donne
TORNA INDIETRO

Per un futuro senza violenza sulle donne

Un fenomeno drammatico, una vergogna per tutta la società

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 20 Novembre 2021

La CISL ha aderito alla campagna internazionale “Orange the World” promossa da UN Women, ente delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere, impegnato nella lotta ad ogni forma di discriminazione e violenza contro le donne, sottolinenado l’impegno del sindacato per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (scarica QUI il volantino).

 

Feroldi (Coordinamento Donne Cisl Brescia):
Violenza e molestie sono una vergogna per tutta la società

 

Il calendario degli impegni congressuali non ci consente quest’anno di proporre il tradizionale momento di riflessione e di dibatto con il quale da sempre caratterizziamo la Giornata del 25 novembre – spiega Eleonora Feroldi, responsabile del Coordinamento Donne della CISL bresciana – senza per questo rinunciare, in tutte le sedi sindacali, a richiamare l’attenzione di tutti sulla Giornata attraverso quei segni che aiutano a rendere più consapevoli del problema“.

La violenza di genere che continua a segnare in modo drammatico la vita quotidiana delle donne: “Prevenire e contrastare questa piaga che non offende solo chi la subisce ma la società nel suo insieme – aggiunge la sindacalista – è un dovere di tutti e una battaglia di civiltà. Anche nei luoghi di lavoro dove violenza e molestie sono forse meno visibili ma, purtroppo, non meno diffuse”.

La data del 25 novembre è sempre “un’occasione importante per una verifica e una riflessione su quanto è stato fatto e su cosa ancora si deve fare in termini di informazione e sensibilizzazione per favorire il necessario cambiamento culturale che deve portare al rispetto della donna, della sua dignità, del suo valore di persona nella collettività“.

 

Qui sotto uno dei manifesti della campagna “Orange the world” con lo slogan:

Ognuno ha un ruolo da svolgere
Mettiamo fine alla violenza sulle donne. Adesso!