BCC, dal 96% dei lavoratori via libera alla piattaforma contrattuale
TORNA INDIETRO

BCC, dal 96% dei lavoratori via libera alla piattaforma contrattuale

Beltrami (First Cisl Brescia): Ai lavoratori servono più che mai stabilità e solidità e un contratto evoluto che guardi al futuro

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 28 Settembre 2021

“Un rinnovo contrattuale per noi molto sfidante: dovrà essere in grado di far fronte ai tempi incerti che si prospettano e che richiedono un approccio pragmatico, in cui prevalgano gli interessi pratici e concreti“. Così Elena Beltrami, componente della Segreteria First Cisl Brescia con delega alle BCC, al termine del capillare percorso di presentazione – a livello nazionale le assemblee sono state oltre 200 – della Piattaforma per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro di settore, scaduto il 31 dicembre 2019

Ai lavoratori – sottolinea la sindacalista – servono più che mai stabilità e solidità e un contratto evoluto che guardi al futuro, verso i nuovi processi che coinvolgono le BCC a seguito della riforma che ha interessato l’intero movimento del Credito Cooperativo. Le Bcc hanno l’esigenza di proporsi in una nuova veste senza abbandonare le peculiarità proprie del cooperativismo, perché i nostri lavoratori meritano un contratto che li affianchi e li assista in una contingenza economica particolarmente delicata e complessa e in continua trasformazione. L’obiettivo è trovare un modo nuovo di fare banca, capace di generare redditività lavorando sulle piccole realtà, è una sfida che possiamo vincere solo assieme: lavoratori, soci, sindacato e aziende”.

 

Il 96% dei lavoratori ha approvato l’insieme delle proposte
con cui il sindacato andrà alla trattativa 

 

Alcuni punti qualificanti delle richieste sindacali che sono state accolte positivamente da oltre il 96% dei lavoratori presenti alle assemblee: