Profughi afgani: appello dal Sistema di Accoglienza provinciale
TORNA INDIETRO

Profughi afgani: appello dal Sistema di Accoglienza provinciale

La micro-accoglienza diffusa in piccole abitazioni e la Rete SAI sono la via da privilegiare

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 26 Agosto 2021

Il Coordinamento Provinciale dei Progetti SAI, Sistema di Accoglienza e Integrazione del Ministero dell’Interno (scopri QUI obiettivi e organizzazione del sistema) della Provincia di Brescia che dal 2016 rappresenta i Comuni e gli enti gestori dei 12 Progetti SAI della Provincia di Brescia, segue con attenzione la terribile situazione in Afghanistan.

Nella convinzione che la micro-accoglienza diffusa in piccole abitazioni e la Rete SAI siano la via da privilegiare, il Coordinamento SAI è attento verso la necessità di reperire appartamenti per l’accoglienza delle rifugiate e dei rifugiati afghani arrivati a Edolo in questi ultimi giorni e ha operato una prima ricognizione dei posti a disposizione nella rete SAI a livello provinciale.

Il Coordinamento SAI si rende disponibile ad agire, con la Provincia di Brescia (Amministrazione Provinciale) e l’ Associazione Comuni Bresciani (ACB), quale cabina di regia del piano di accoglienza e delle azioni che è necessario intraprendere da subito per reperire i posti mancanti e per gestire l’assegnazione dei singoli e dei nuclei familiari ai diversi progetti di accoglienza SAI della provincia, in stretta collaborazione con la Prefettura e il Servizio Centrale del SAI.

 

Tutte e tutti coloro (cittadini/e, Associazioni, Cooperative, Fondazioni, Aziende, etc) che vogliono mettere a disposizione appartamenti per l’accoglienza dei rifugiati afghani, preferibilmente ubicati in Comuni ove sono presenti le scuole elementari e medie, possono collaborare con il Coordinamento Provinciale dei Progetti SAI della Provincia di Brescia scrivendo a

coord.sprarbresciani@gmail.com

oppure telefonando al numero 342 100 6595

 

Nella foto del Giornale di Brescia l’arrivo dei primi profughi accolti in una caserma di Edolo, in Alta Valle Camonica.