Gottolengo, risorse per il sociale dalla lotta all’evasione
TORNA INDIETRO

Gottolengo, risorse per il sociale dalla lotta all’evasione

Sindacati dei Pensionati e Comune hanno rinnovato l'intesa che definisce agevolazioni e aiuti per gli anziani

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 28 Luglio 2021

Con l’approvazione da parte della Giunta municipale, è pienamente operativa l’intesa che FNP Cisl e SPI Cgil hanno definito con il Comune di Gottolengo per una serie di interventi, di agevolazioni e di aiuti alla fascia più anziana della popolazione. “Questo accordo per il biennio 2021-2022 – sottolinea Roberto Bocchio (secondo da destra nella fotografia) dei Pensionati Cisl – rinnova un dialogo che anche in passato è sempre stato positivo e di cui siamo grati all’Amministrazione comunale e all’assessore ai Servizi sociali Andrea Milzani“.

Oltre ai punti tradizionali dell’intesa che vengono confermati – pasti a domicilio, assistenza domiciliare, trasporti, bonus – ci sono degli elementi di novità importanti, rappresentate dal calcolo innovativo delle agevolazioni: si applica l’ISEE lineare come da nuovo regolamento dell’Ambito 9, con l’aggiunta alla formula tradizionale del pagamento delle utenze certificate e le spese sanitarie, elementi che rendono lo strumento sempre più corrispondente alla capacità di tenuta economica della realtà famigliare.

Va evidenziata poi  la riduzione della Tari per persone sole, per fabbricati rurali e per gli esercizi pubblici che hanno rinunciato ad installare slot machine – si legge nel comunicato Fnp e Spi – e resta invariata l’esenzione IRPEF comunale per i redditi fino a 9.360 euro, soglia troppo contenuta per la quale, a far data dal 2022, abbiamo chiesto una revisione”.

Un capitolo a parte merita il recupero delle quote evase al fisco e ai tributi locali. “Pur non rientrando nell’agenda di confronto sui Servizi alla persona – spiega Roberto Bocchio – è un elemento davvero rilevante della nuova intesa, perchè abbiamo concordato con l’Amministrazione comunale di Gottolengo che il 70% degli importi recuperati nella lotta all’evasione verrà reimpiegato nel miglioramento dei Servizi alla persona“.

All’inizio del prossimo anno le parti si incontreranno per una verifica dell’accordo e per gli interventi di aggiustamento che si renderanno eventualmente necessari.