Contratto Aziendale alla Westport Fluid Systems
TORNA INDIETRO

Contratto Aziendale alla Westport Fluid Systems

Miglioramenti sia dal punto di vista retributivo che normativo

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 25 Luglio 2021

Le assemblee dei lavoratori della Westport Fluid Systems, la ex-Emer di Sant’Eufemia, hanno approvato a maggioranza il nuovo contratto aziendale definito tra azienda e sindacati dopo oltre cinque mesi di trattativa.

“Il nuovo contratto aziendale – scrive FIM Cisl Brescia in un comunicato – concretizza un miglioramento sostanziale sia dal punto di vista retributivo che normativo e avrà durata triennale, con la clausola di ultrattività fino a stipula di nuovo accordo.

 

Premio di risultato trasformabile in prestazioni di welfare

Il premio di risultato è costituito da indicatori prettamente legati alle performance dei lavoratori, escludendo in tale modo indicatori legati alla redditività aziendale. Si registra un incremento concreto del valore massimo raggiungibile del premio pari a 1.700 euro, migliorando quanto previsto nella precedente contrattazione e si ribadisce la possibilità di trasformare, su base volontaria, il risultato raggiunto, in parte o in toto, in welfare con l’acquisizione di un plus a carico dell’azienda del 10% per chi opta per questa soluzione.

Un passo importante che migliora quanto previsto nella precedente contrattazione che permette, grazie alla definizione di una piattaforma welfare, di dare agio reddituale a quei lavoratori che devono fare fronte per esempio alla spese sostenute per l’istruzione dei figli, nonché alle spese da sostenere per familiari fragili. Anche i lavoratori in somministrazione beneficeranno del premio in base al periodo di missione prestata durante l’anno.

 

Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro

Si migliora la materia conciliazione vita lavoro con flessibilità in entrata e di pausa pranzo fino ad un massimo di due ore con recupero in coda alla giornata. Il lavoro agile che sarà concesso sulla base della tipologia di mansione svolta prevede il diritto alla disconnessione dalle strumentazioni tecnologiche e dalle piattaforme informatiche a disposizione dei lavoratori.

 

Formazione e competenze professionali

Ruolo da protagonista alle RSU per la formazione continua; infatti, le Rsu potranno confrontarsi con i lavoratori per analizzare i fabbisogni formativi al fine di proporre all’azienda i percorsi più idonei per accrescere la loro professionalità.

 

Passaggi di categoria nell’ottica del contratto

In questo filone si deve leggere anche il risultato acquisito nel capitolo “relazioni sindacali” che prevede l’utilizzo dei criteri di polivalenza e polifunzionalità per individuare passaggi di categoria in conformità con il nuovo inquadramento professionale sancito dal contratto nazionale di lavoro sottoscritto il 5 febbraio 2021″.

 

Governare le sfide

Sottolineando la positività dell’accordo aziendale la Segreteria provinciale dei metalmeccanici Cisl ribadisce che “il punto fondamentale è la centralità della persona, snodo della tutela prospettica che il cambiamento del mondo del lavoro impone. Il contratto sottoscritto è un punto di partenza, non un punto di arrivo: sviluppare nuove intese e miglioramenti, attraverso il monitoraggio dell’intesa attraverso il continuo confronto, è la strada per continuare nel nostro ruolo negoziale e partecipativo, che porta a sviluppare tutele in azienda al fine di governare le sfide che ci attendono”.