GOL: riqualificareformare, reinserire al lavoro. Dalla Regione un assist (clicca QUI) che mancava

 

Il gioco sporco del non-sindacato
TORNA INDIETRO

Il gioco sporco del non-sindacato

Ogni mese un intervento del segretario provinciale della CISL sulle pagine de "La Voce del Popolo"

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 3 Luglio 2021

Il settimanale “La Voce del Popolo” ha chiesto al segretario provinciale della Cisl un intervento mensile sui temi del lavoro. Alberto Pluda ha scelto di aprire la collaborazione con il giornale diocesano ragionando su quelle forme di lotta che usano la parola sindacato ma che in realtà strumentalizzano i lavoratori più deboli per obiettivi che con il sindacato non c’entrano nulla.

 

Il gioco sporco
del non-sindacato

Forse è arrivato il momento per passare dalle reazioni emotive a qualche ragionamento. Mi riferisco all’incidente mortale avvenuto davanti ai cancelli del deposito Lidl a Biandrate, nel novarese, in cui ha perso la vita un attivista dei SiCobas.

Era un immigrato, padre di due figli. La dinamica dell’incidente e la sua tragica conclusione suscitano ancora grande tristezza. Ma provo anche una grande indignazione per la scaltrezza con cui un non-sindacato, qual è appunto il SiCobas, stravolga il bisogno di lavoro e il desiderio di una vita più giusta e dignitosa di tanti immigrati “arruolandoli” nella sua delirante battaglia. Una “missione” che non c’entra nulla con il lavoro, che se infischia della contrattazione e dei contratti.

L’obiettivo è nascosto dietro gli striscioni di facciata in cui si invocano diritti e giustizia sociale. Le sue argomentazioni fanno venire i brividi a chi ha vissuto o si è preso la briga di studiare gli ultimi trent’anni del Novecento italiano, ma tant’è: “Rendere estremamente ridotto il margine d’azione per le strutture di mediazione classiche del capitalismo, in primo luogo le istituzioni e i sindacati di stato, e avviare un processo di progressiva polarizzazione dello scontro tra padroni e lavoratori”.

Adil è morto perché l’autista di un camion lo ha travolto. Adil è morto perché si è trovato dentro non-sindacato che alimenta tensioni e rabbia.

Che la logistica sia diventata un far west lo si denuncia da tempo. Il settore ha avuto uno sviluppo tumultuoso ed è fattore economico tra i più rilevanti nella spietata concorrenza della grande distribuzione organizzata, dove si sono azzerati i costi di magazzino ma si pretende una velocità e una capillarità nei rifornimenti più vicina ad un videogioco che alla realtà. Un settore in cui si muovono aziende e cooperative di appalto e sub-appalto che sfruttano l’urgente bisogno di lavoro di immigrati appena arrivati nel mitico Nord, persone “in posizione di particolare debolezza – come ha fatto osservare il giuslavorista Ichino – accentuata in molti casi dai gravissimi ritardi amministrativi con cui le loro pratiche di regolarizzazione vengono evase”.

Dobbiamo adoperarci, tutti insieme, perché le grandi imprese committenti rivedano le loro strategie sulla logistica, paghino di più e sappiano controllare le appaltatrici che utilizzano; e dobbiamo pretendere che finisca la guerra che tante di loro hanno intrapreso contro il sindacato confederale per non rispettare i contratti. Perché anche questo contribuisce al gioco (sporco) del non-sindacato.

Alberto Pluda
segretario generale CISL Brescia