Lavoratori e vaccino anti Covid
TORNA INDIETRO

Lavoratori e vaccino anti Covid

Vademecum del Garante per la privacy riafferma in azienda il ruolo del Medico competente

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 20 Febbraio 2021

Il datore di lavoro può chiedere ai propri dipendenti di vaccinarsi contro il Covid-19? Può chiedere al medico competente i nominativi dei dipendenti vaccinati? O chiedere conferma della vaccinazione direttamente ai lavoratori?

 

A queste domande è dedicato un vademecum del Garante per la protezione dei dati personali, consultabile cliccando QUI

 

 

IN BREVE

La considerazione di fondo è che solo il Medico competente (figura di cui ogni azienda deve essere dotata) può trattare i dati sanitari dei lavoratori e, tra questi, le informazioni relative alla vaccinazione. Ne consegue che il datore di lavoro non può chiedere direttamente ai propri dipendenti di fornire informazioni sul proprio stato vaccinale. Per le stesse ragioni il datore di lavoro, aggiunge il Garante, non può neppure chiedere al Medico competente i nominativi dei dipendenti vaccinati.

 

PASSAGGI CHIAVE

Solo il Medico competente può chiedere al lavoratore di documentare l’avvenuta vaccinazione, al fine di valutarne l’idoneità o l’inidoneità (anche parziale o temporanea) alla mansione.

Al datore di lavoro il Medico competente poi comunicherà l’esito di tale valutazione, e quindi il solo giudizio di idoneità/inidoneità, con le eventuali prescrizioni e/o limitazioni in esso riportate.