Immigrati imprenditori, opportunità di crescita per l’intero sistema economico
TORNA INDIETRO

Immigrati imprenditori, opportunità di crescita per l’intero sistema economico

Nella nostra provincia sono il 9,5% del totale

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 16 Febbraio 2021

Con 5.346 attività, Brescia è la sesta provincia a livello nazionale per numero di imprenditori immigrati (+2,3% rispetto al 2019), il 9,5% del totale degli imprenditori bresciani.

Il dato è contenuto nel Report 2020 dalla Fondazione Leone Moressa.

A finire in cronaca, quando si parla di imprenditori di origine straniera, sono quasi sempre solo i disonesti, quelli che sfruttano i connazionali in spazi di lavoro angusti che spesso sono anche dormitorio e casa. Ma l’imprenditoria degli stranieri in Italia è una realtà lontanissima da quella che finisce sui giornali. È un fenomeno economico che incide in maniera significativa nel sistema italiano.

Anche nell’anno della pandemia, l’imprenditoria immigrata in Italia ha continuato a crescere e rappresenta ora quasi il 10 per cento del totale.

A fine 2020 gli imprenditori nati all’estero erano 739.568, con un’incidenza del 9,8 per cento rispetto al totale (valore in costante crescita rispetto al 7,1 per cento del 2011)

Per quanto riguarda l’area di origine, tre paesi rappresentano da soli quasi il 30 per cento del totale: Cina (75.906), Romania (73.490) e Marocco (70.067).

La prima regione per numero di imprenditori stranieri (157 mila) è la Lombardia, 84.300 nella sola Milano.