Accordo Cgil Cisl Uil con Apindustria
TORNA INDIETRO

Accordo Cgil Cisl Uil con Apindustria

Dopo Confindustria anche la piccola e media impresa firma con i sindacati per il Fondo Nuove Competenze

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 31 Gennaio 2021

Si allargano al mondo delle piccole e medie imprese le opportunità del Fondo Nuove Competenze. Anche Apindustria ha sottoscritto l’accordo con Cgil Cisl Uil Brescia che definisce le modalità per ottimizzare il ricorso allo strumento messo in campo dal Decreto rilancio.

Il Fondo serve ad accompagnare il  mondo del lavoro e dell’impresa nel processo di adeguamento ai nuovi modelli organizzativi e produttivi, offrendo ai lavoratori l’opportunità di acquisire nuove e maggiori competenze professionali.

 

“Un nuovo passaggio – sottolinea la Segretaria della Cisl provinciale – verso la centralità della formazione per aumentare competenze e incrementare l’occupabilità dei lavoratori”.

Contenuti e procedure sono sostanzialmente le stesse dell’accordo che Cgil Cisl Uil hanno firmato con Confindustria Brescia il 21 gennaio scorso.

 

Dal FAPI una spinta ulteriore per non perdere questa opportunità

“Per le piccole e medie imprese – osserva Paolo Reboni della Segreteria Cisl Brescia – c’è poi una sinergia importante con  Sportello Impresa per il Fondo Nuove Competenze.

A metà dello scorso dicembre il FAPI, Fondo formazione piccole e medie imprese che come organizzazioni sindacali ci vede coinvolti insieme alle organizzazioni datoriali, ha pubblicato un’avviso per il finanziamento di piani di formazione continua per imprese e lavoratori. La disponibilità finanziaria, a livello nazionale, è di un milione di euro.

Dunque i piani formativi che riguardano accordi del Fondo Nuove Competenze possono essere cofinanziati da FAPI”.