L’Alco, tre settimane decisive
TORNA INDIETRO

L’Alco, tre settimane decisive

Sindacati e proprietà in Prefettura: una crisi (scaffali vuoti, arretrati, esuberi) in cerca di soluzioni

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 30 Gennaio 2021

I rappresentanti dei lavoratori sono usciti ieri pomeriggio da Palazzo Broletto, sede della Prefettura dove si è svolto l’incontro sulla crisi del Gruppo L’Alco (supermercati Despar, Interspar, Eurospar e Alta Sfera), con l’impegno della proprietà a mettere in pagamento entro la fine della prossima settimana i due terzi della quattordicesima che ancora non è stata versata agli oltre 750 lavoratori, e a fornire entro tre settimane risposte precise sul progetto di ristrutturazione del Gruppo.

L’Alco sta trattando la cessione dei marchi e dell’attività – una quarantina di punti vendita distribuiti in Lombardia – ma i potenziali acquirenti sembrano disposti a subentrare con una forza lavoro ridotta di quasi un terzo. Per questo L’Alco ha proposto incentivi all’esodo ai dipendenti che volontariamente decideranno di lasciare l’azienda, ma i sindacati hanno ribadito in Prefettura che l’incentivo è troppo basso è che l’azienda deve fare ai lavoratori una proposta più seria e rispettosa.

La vertenza sarà oggetto giovedì 4 febbraio di un’audizione della Commissione Attività produttive del Consiglio di Regione Lombardia.