Cisl Brescia per il Giorno della Memoria (7)
TORNA INDIETRO

Cisl Brescia per il Giorno della Memoria (7)

CISL Brescia con Comune e Provincia al monumento che ricorda i caduti nei lager nazisti

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 27 Gennaio 2021

Una piccola rappresentanza del mondo associativo (per CISL Brescia era presente Maria Rosa Loda della Segreteria provinciale, prima a sinistra nella foto) e delle istituzioni (l’assessore Fenaroli per la Loggia e il consigliere Ferrari per il Broletto) ha reso omaggio nel pomeriggio di oggi al monumento che in via Veneto è dedicato ai caduti nei lager nazisti.

Una manifestazione simbolica in sostituzione della tradizionale fiaccolata promossa dalle organizzazioni sindacali che quest’anno non è stato possibile tenere a causa della pandemia.

 

Loda (CISL): Che la memoria sia anche azione

Ricordando il 27 gennaio del 1945 quando le truppe sovietiche arrivarono ad Auschwitz e liberarono i superstiti del campo di sterminio, Maria Rosa Loda ha voluto ribadire la necessità che la memoria si faccia azione, perché ciò che è avvenuto non abbia mai più a ripetersi.

Quello che è stato giustamente definito “il male radicale” ebbe inizio per una strumentale e terribile gestione della paura dell’altro, un pensiero xenofobo che portò al razzismo e alla persecuzione di chi era ritenuto diverso.

Come ha scritto Anna Frank nel suo diario – testo dal quale Maria Rosa Loda ha letto un brano a conclusione della manifestazione – “La verità è tanto più difficile da sentire quanto più a lungo la si è taciuta“. Da qui l’impegno a contrastare con fermezza chi vorrebbe stravolgere la verità storica dell’Olocausto e le responsabilità di quella immane tragedia, tenendone vivo il ricordo e il monito.