Le sedi CISL sono aperte per le necessità di lavoratori, giovani, pensionati e cittadini. QUI tutti gli indirizzi e i numeri di telefono per prenotare un appuntamento

Dignità per il lavoro di colf e badanti
TORNA INDIETRO

Dignità per il lavoro di colf e badanti

Dai sindacati una lettera al Governo con la proposta di cinque azioni per estendere nel settore diritti e tutele

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 15 Gennaio 2021

Favorire l’equilibrio dell’occupazione nel settore del lavoro domestico e riconoscerne la dignità nel rispetto della convenzioni europee per i diritti sociali . E’ questa la finalità della “Piattaforma programmatica degli interventi normativi essenziali” definita dalle parti sociali firmatarie della contrattazione nazionale di settore (Fisascat Cisl, Filcams Cgil, Uiltucs, Federcolf e associazioni datoriali) inviata al Governo.

 

Sono cinque le azioni proposte dalle parti sociali per restituire dignità al settore:

 

Il lavoro domestico interessa 2,5 milioni di famiglie datrici di lavoro e più di 2 milioni di lavoratrici e lavoratori colf e badanti, oltre ai 9,5 milioni di cittadini in Italia che usufruiscono delle prestazioni; più dell’88% dell’occupazione è femminile; i lavoratori stranieri sono oltre il 73% e più del 44% sono cittadini Ue; oltre il 45% dell’occupazione è riconducibile al lavoro di cura e assistenza familiare.