L’importo delle pensioni delle donne è più basso rispetto a quello degli uomini. Per quali ragioni? Venerdì 5 marzo un seminario on line del Coordinamento Donne Cisl Brescia

Mancano 4 milioni alla cassa integrazione dell’artigianato
TORNA INDIETRO

Mancano 4 milioni alla cassa integrazione dell’artigianato

Sono quasi 30mila i lavoratori bresciani per i quali si è fatto ricorso al Fondo di Solidarietà Bilaterale

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 14 Gennaio 2021

Sono 7.041 le aziende artigiane bresciane che nel 2020, per i contraccolpi della pandemia sul sistema economico e produttivo, hanno fatto ricorso al Fondo di Solidarietà Bilaterale (la cassa integrazione dell’artigianato) per garantire un’integrazione al reddito a 28.878 lavoratori.

Quasi metà degli accordi bilaterali necessari all’erogazione del Fondo di Solidarietà sono stati firmati dagli operatori dello Sportello Artigianato della CISL.

 

Tra i settori in crisi record della meccanica

L’impatto della crisi non ha risparmiato il mondo artigiano – osserva Paolo Reboni, componente della Segreteria provinciale della CISL – ed ha colpito in modo particolare il settore della lavorazione e della trasformazione dei metalli che conta 14.064 dipendenti in cassa integrazione, seguito da quello dell’edilizia e installazione impianti con 3.024 lavoratori. le aziende artigiane della produzione alimentare hanno chiesto l’intervento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per 1.517 addetti, quelle del legno e arredamento per 1.318 lavoratori”.

 

Coperture al 94% dei bisogni

A livello nazionale, alla data del 31 dicembre 2020 era stato erogato il 92,2% delle risorse necessarie a coprire le richieste, in Lombardia il 93,1% , nella nostra provincia il 94,2%.

 

Preoccupa un orizzonte senza schiarite

“Questo significa che mancano ancora 4 milioni di euro per far arrivare ai lavoratori bresciani dell’artigianato quanto spetta loro – sottolinea Reboni – a conferma di una situazione che va costantemente monitorata, anche perché all’orizzonte non si intravedono schiarite della crisi in grado di dare certezze sulla tenuta occupazionale del settore”.