Le sedi CISL sono aperte per le necessità di lavoratori, giovani, pensionati e cittadini. QUI tutti gli indirizzi e i numeri di telefono per prenotare un appuntamento

Scuola, azioni di Governo poco efficaci per l’82% dei dirigenti
TORNA INDIETRO

Scuola, azioni di Governo poco efficaci per l’82% dei dirigenti

Indagine della Cisl Scuola fra i dirigenti scolastici delle superiori: si parla solo di date e non dei problemi veri

3 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 6 Gennaio 2021

Sul rientro a scuola c’è ancora grande confusione. Domani le lezioni riprendono regolarmente per scuole dell’infanzia, elementari e medie, mentre il ritorno alla didattica degli studenti delle superiori è rinviato, senza certezze, all’11 gennaio: dipenderà infatti dai dati sull’andamento della pandemia regione per regione. Insomma, è ancora caos. Proprio ieri, intervistata da un quotidiano locale, Luisa Treccani, segretario provinciale della Cisl Scuola, lamentava il fatto che il balletto sulle date crea disorientamento per studenti e famiglie.

 

L’indagine della Cisl Scuola

Un quadro sconfortante che la Cisl Scuola, a livello nazionale, ha voluto verificare in un’indagine condotta tra i dirigenti scolastici delle superiori. La sintesi? Per settimane si è continuato a discutere solo di date, lasciando sostanzialmente irrisolte tutte le questioni che hanno diretta e concreta incidenza sulle condizioni di sicurezza che andrebbero garantite per la ripresa delle attività scolastiche, a partire dai trasporti.

 

Azioni di Governo per niente o poco efficaci

Le risposte dei dirigenti scolastici delle superiori confermano il giudizio è ampiamente negativo sulle azioni messe in campo per preparare il ritorno a scuola: il 31,6% le considera per nulla efficaci, sono poco efficaci per il 51,2%, solo il 16,7% le ritiene efficaci.

 

Trascurati i reali bisogni della scuola

Si tratta in ogni caso di scelte (o non scelte) che vedono per lo più trascurate le reali e specifiche esigenze delle scuole, mentre è prevalente l’attenzione per le modalità di organizzazione di altri servizi esterni: la pensa così il 61,6% degli intervistati, mentre il 34,2% ritiene che i reali bisogni della scuola abbiano avuto considerazione solo in parte.

 

Il nodo trasporti e la rigidità delle aziende

Sconfortante il quadro relativo ai servizi di trasporto, considerato che ad avere necessità di servirsi dei mezzi pubblici è il 70% della popolazione scolastica. Eppure solo in minima parte le aziende di trasporto hanno modificato gli orari per favorire lo scaglionamento degli ingressi e delle uscite, mentre nell’80% dei casi non è previsto alcun controllo per evitare gli assembramenti alle fermate dei mezzi.

 

Riorganizzazione per turni? Un miraggio

Della notevole complessità a gestire la riorganizzazione per turni, riflesso delle criticità non risolte sul versante dei trasporti, danno conto le risposte ai quesiti riguardanti le due ipotesi di cui si è discusso nelle scorse settimane (75% o 50% come quota da garantire): anche tenuto conto che l’ipotesi 75% è al momento di fatto accantonata, emerge che per articolare gli ingressi a scaglioni occorre modificare l’orario per oltre 5 docenti che prestano servizio su più scuole nel 45,7% dei casi, mentre in più 50% dei casi la turnazione comporta la riduzione di attività pomeridiane già strutturate. Alta anche la percentuale di chi considera rilevante l’incidenza sulla conciliazione fra tempi di lavoro e quelli di vita familiare, così come è valutata di notevole impatto l’incidenza sulla qualità e l’efficacia della didattica.

 

Famiglie alla finestra

Fa riflettere il dato riguardante le richieste delle famiglie, che non risultano premere più di tanto per il rientro in presenza ad ogni costo: sfiora il 20% la quota di chi, secondo la percezione dei dirigenti scolastici che hanno risposto all’indagine, preferirebbe proseguire con la didattica a distanza, mentre sono meno del 10% le famiglie che vorrebbero una riapertura completa e totale delle scuole. La soluzione del 50% in presenza risulta in effetti quella più apprezzata.

 

Didattica integrata, necessità e virtù

Sulla Didattica Integrata le risposte dei dirigenti evidenziano un elevato tasso di coinvolgimento degli studenti, pur rimanendo le difficoltà legate a carenze di connettività e di strumentazione, e merita un’attenta considerazione il fatto che i Dirigenti la ritengano non solo una risorsa che ha consentito di far fronte al lockdown, ma anche un’esperienza che ha prodotto una crescita professionale, utile dunque anche oltre l’emergenza.

 

Insufficiente il numero dei collaboratori scolastici

Preoccupante, infine, la percentuale di chi ritiene insufficiente la dotazione di personale per garantire un servizio articolato in turnazioni: il 51,2% dichiara di non avere un numero di collaboratori scolastici sufficiente, ma la percentuale diventa ancor più alta (65,1%) se si escludono dal conteggio le scuole (21 %) i cui dirigenti dichiarano di non prevedere turnazioni.

 

La scuola si dovrà arrangiare (come sempre!)

“È di tutta evidenza – conclude Cisl Scuola in un comunicato – che ai tanti prevedibili problemi saranno le scuole a dover far fronte, come sempre, senza efficaci supporti esterni. Un discorso che riguarda non soltanto le superiori, ma anche tutte gli altri gradi di scuola che da settembre lavorano in presenza. Intanto, l’assenza di dialogo e di ascolto contribuisce ad alimentare incertezze e incomprensioni che rischiano purtroppo di accompagnare inevitabilmente la ripresa delle attività didattiche”.