Covid e Polizia Locale, ingiusti i rilievi del Prefetto
TORNA INDIETRO

Covid e Polizia Locale, ingiusti i rilievi del Prefetto

Gianmarco Pollini, segretario Cisl FP, interviene sulle valutazioni espresse da Palazzo Broletto

1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 21 Ottobre 2020

Controlli Covid, il Prefetto bacchetta le Polizie Locali”. Così il Giornale di Brescia oggi in prima pagina. “Il rappresentante del Governo -scrive il quotidiano – punta l’indice sul contributo venuto meno tranne che a Brescia. Dura la reazione: Mai mancati l’impegno sul territorio e l’abnegazione, dichiara la presidente dell’Associazione Polizia Locale. E i sindaci fanno scudo agli agenti”.

Anche Cisl FP Brescia, che rappresenta i lavoratori degli enti locali, non ci sta e attraverso il suo segretario Gianmarco Pollini lo ha messo nero su bianco.

Nel condividere quanto espresso da Gianfranca Bravo, presidente dell’Associazione della Polizia locale della Provincia di Brescia, e dai Sindaci intervistati sull’argomento, senza far polemica – cosa che per natura non mi appartiene – vorrei sottolineare che l’impegno e la professionalità della Polizia Locale dimostrata durante le varie fasi emergenziali è sotto gli occhi di tutti i cittadini.

A puro titolo di pro memoria vorrei ricordare che fu la Polizia Locale ad intervenire in piazza Arnaldo quest’estate; sono stati i colleghi di tantissimi Comuni a prodigarsi nel creare percorsi pedonali, specialmente nei paesi turistici al fine di evitare assembramenti e a predisporre la necessaria vigilanza; sono state le Polizie Locali a vigilare sul rispetto delle norme nelle manifestazioni estive.

Vorrei anche ricordare che a tutt’oggi, non tanto in provincia di Brescia, ma in altre provincie, è stato messo in discussione il pagamento dell’indennità di ordine pubblico al personale di Polizia Locale, come alle “posizioni organizzative” non è stato riconosciuto il pagamento delle ore straordinarie svolte in relazione alla pandemia.

Tutto ciò per dire che nonostante il trattamento che in certe realtà subisce, ed alla diversità di trattamenti economici e normativi, con le altre forze di polizia, l’impegno quotidiano da parte delle donne e degli uomini della Polizia Locale, anche per l’emergenza Covid-19, è palesemente evidente al’intera popolazione bresciana”.