BONUS 200 euro: che cos’è? chi ne ha diritto? chi deve fare la domanda e chi no? All’ INAS CISL tutte le risposte

In prima linea ma senza riconoscimenti
TORNA INDIETRO

In prima linea ma senza riconoscimenti

La protesta dei lavoratori del settore Multiservizi che garantiscono pulizie e sanificazione anti Covid-19

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 19 Ottobre 2020

Nel settore multiservizi sono occupati in Italia 600mila addetti, prevalentemente donne. Sono loro, ad esempio, che assicurano le pulizie e la sanificazione degli ambienti pubblici, divenuta indispensabile per il contrasto alla diffusione del Covid-19. Ogni giorno affrontano situazioni critiche senza alcun riconoscimento dai datori di lavoro (l’ultimo adeguamento economico dei loro stipendi risale al 2013 visto che il contratto è scaduto ormai da 7 anni), costretti a part time involontari a poche ore settimanali, con bassi salari e un’alta mobilità dettata dagli appalti su più cantieri.

Oggi, hanno nuovamente portato la loro condizione all’attenzione dell’opinione pubblica con una protesta inscenata davanti agli ingressi dell’Ospedale Civile cittadino.

Questi lavoratori – ha detto Paolo Tempini della Segreteria provinciale della Fisascat Cisl – vivono una situazione non più tollerabile. Chiediamo con forza il rinnovo del loro contratto di lavoro, questione di dignità e di giustizia“.