Scuola, nomine nel caos
TORNA INDIETRO

Scuola, nomine nel caos

Continuano le assegnazioni con le graduatorie piene di errori

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 24 Settembre 2020

Ci sono circa 3 mila errori su 32 mila domande pervenute per la graduatoria provinciale, decisamente troppi per i 4 mila posti disponibili“. A Luisa Treccani, segretario generale della Cisl Scuola provinciale bastano questi tre numeri per fotografare il caos nomine che incombe sulla scuola bresciana. Caos destinato ad aggravarsi visto che si prospetta una raffica di ricorsi da parte dei precari esclusi.

Le organizzazioni sindacali hanno presentato al provveditore Giuseppe Bonelli (al centro della foto d’archivio) una serie di proposte molto concrete per uscire dalla situazionescarica QUI il documento integralema il responsabile della scuola bresciana, che questa mattina ha avuto un lungo faccia a faccia con i rappresentanti sindacali, ritiene di dover continuare le assegnazioni utilizzando le graduatorie nazionali contestate.

Domani, venerdì, i sindacati avranno un nuovo confronto con il provveditore, ma cresce lo scontento per una intransigenza motivata con la necessità di garantire il diritto allo studio ma che rischia di diventare un boomerang per gli effetti dei ricorsi di chi oggi è ingiustamente escluso dalle nomine.