Guarda la registrazione del convegno  E’ POSSIBILE SUPERARE L’OSTACOLO DELLE PAURE? clicca QUI

INAIL, infortuni sul lavoro in calo. Peccato non sia proprio così
TORNA INDIETRO

INAIL, infortuni sul lavoro in calo. Peccato non sia proprio così

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 1 Settembre 2020

Calano gli infortuni sul lavoro in Italia. Lo dicono i dati dei primi sette mesi del 2020 resi noti dall’INAIL. Ma è un’illusione. La lettura approfondita e lacontestualizzazione della rilevazione dice ben altro.

Se guardiamo unicamente alle tabelle dell’Istituto – spiega Paolo Reboni della Segreteria provinciale della Cisl – gli infortuni sono davvero in calo: a Brescia si è passati dagli 8.310 dello scorso anno a 7.149 denunce, vale a dire il 14 % in meno rispetto al 2019, dato in media con il calo regionale del 15% (da 71.444 a 60.899)”.

 

NUMERO RECORD DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE

Ma a causa della pandemia, nei mesi scorsi le ore lavorate sono state il 35/40% in meno dello stesso periodo del 2019, e la cassa integrazione in Lombardia ha toccato livelli senza precedenti: sono fuori dal loro posto di lavoro circa 280.000 lombardi.

Nel Bresciano, tra gennaio e giugno sono state autorizzate 54milioni e 480mila ore di cassa integrazione, oltre il 2.000% in più rispetto allo scorso anno.

 

L’INDICE DI FREQUENZA RIPORTA ALLA RELATA’

Quindi – commenta il segretario Cisl – mettendo in relazione numero degli infortuni e ore lavorate non credo proprio si possa parlare di un calo degli infortuni. Altro dato che va considerato in maniera approfondita è quello sugli infortuni mortali, fortemente aumentati perché ricomprendono i decessi causa Covid: nel nostro territorio sono stati 34 i morti sul lavoro, mentre lo scorso anno, nello stesso periodo, se n’erano contati 16 . Di certo gli infortuni diminuiscono in una precisa fascia d’età, quella tra i 15 e i 44 anni, ma crescono in quella immediatamente successiva, tra i 45 e i 64 anni”.