Bonus vacanze, istruzioni per l’uso

Dal primo luglio tutte le famiglie italiane con un reddito inferiore a 40mila euro possono richiedere il Bonus Vacanze, una delle misure contenute nel Decreto Rilancio per favorire le vacanze in Italia. Si tratta di un credito da utilizzare per pagare alberghi, pensioni, bed&breakfast e agriturismi situati sul territorio nazionale e abilitati all’esercizio dell’attività turistico-ricettiva.

 

QUANTO VALE IL BONUS VACANZE?

Il bonus è di 150 euro per il nucleo familiare composto da 1 persona, 300 euro per nucleo familiare composto da 2 persone, 500 euro per nucleo familiare composto da 3 o più persone.

L’80% del bonus si usa per ottenere uno sconto sul costo del servizio turistico nel periodo 1 luglio – 31 dicembre 2020; il 20% si utilizza sotto forma di detrazione d’imposta da recuperare sulla dichiarazione dei redditi 2021.

 

SI FA VALERE  IN AGENZIA (COME L’UNITOUR, AD ESEMPIO)
OPPURE DIRETTAMENTE NELLE STRUTTURE

Per usufruire del bonus bisogna rivolgersi direttamente alla struttura in cui si sceglie di alloggiare o alle agenzie di viaggio – come ad esempio Unitour, l’agenzia di turismo sociale della Cisl – e senza l’intermediazione di altri soggetti che gestiscono piattaforme digitali.

Il bonus può essere utilizzato da un solo componente per ciascun nucleo familiare e deve essere speso in un’unica soluzione e nei riguardi di una sola impresa turistica ricettiva, o di un solo agriturismo o bed & breakfast.

 

 

 

Etichette: nessuna etichetta

CISL BRESCIA: Uffici aperti. Accessi in sicurezza regolati su prenotazione allo 030 3844 511