Quali risposte alla crisi occupazionale? La Cisl: un patto con le imprese
TORNA INDIETRO

Quali risposte alla crisi occupazionale? La Cisl: un patto con le imprese

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 6 Giugno 2020

Un ampio articolo sulla situazione occupazione nel dopo Coronavirus è stato pubblicato nell’edizione di venerdì del quotidiano Bresciaoggi che ha riportato le diverse voci del mondo del lavoro.

A un mese dalla riapertura delle attività produttive dopo il lockdown – ha scritto il giornale – Brescia traccia un primo bilancio del ritorno a una normalità che, ancora a lungo, non sarà quella di prima.  La ripresa di ordini e produzione è un’incognita e di conseguenza forte preoccupazione per la tenuta dei livelli occupazionali.

 

Pluda (Cisl): “Ci si deve muovere anche a livello territoriale”

Viviamo una fase di totale incertezza – ha dichiarato Alberto Pluda, segretario generale della Cisl di Brescia – e le domande sono impegnative. Cosa succederà, ad esempio, quando finirà la cassa integrazione? In molti casi il termine dell’ammortizzatore sociale coinciderà con la fine del divieto di licenziamento, per questo abbiamo bisogno di risposte forti dal Governo. Qualcosa, però, si può fare subito in ambito provinciale. È arrivato il momento di un patto territoriale con le associazioni datoriali per leggere il cambiamento nel mondo del lavoro, coinvolgendo maggiormente gli addetti nei processi d’impresa anche attraverso la rappresentanza sindacale“.