Festa della Repubblica, inizio della nostra ripartenza

Possiamo assumere questa giornata come emblematica per l’inizio della nostra ripartenza“. Così il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, nell’intervento per l’anniversario della nascita della nostra Repubblica.

Lo viviamo, ha affermato il Presidente, ” in una atmosfera in cui proviamo nello stesso tempo sentimenti di incertezza e motivi di speranza. Stretti tra il dolore per la tragedia che improvvisamente ci è toccato vivere e la volontà di un nuovo inizio. La nascita della Repubblica, nel 1946, segnava anch’essa un nuovo inizio. Superando divisioni che avevano lacerato il Paese, per fare della Repubblica la casa di tutti, sulla base dei valori di libertà, pace e democrazia”.

È quanto occorre anche oggi al nostro Paese, facendo tesoro di quanto vissuto negli ultimi mesi: “Abbiamo ritrovato, nel momento più difficile, il vero volto della Repubblica“, ha detto ancora il Capo dello Stato. “Abbiamo toccato con mano la solidarietà, la generosità, la professionalità, la pazienza, il rispetto delle regole. Abbiamo riscoperto, in tante occasioni, giorno per giorno, doti che, a taluno, sembravano nascoste o appannate, come il senso dello Stato e l’altruismo”.

“Ora sarebbe inaccettabile e imperdonabile disperdere questo patrimonio, fatto del sacrificio, del dolore, della speranza e del bisogno di fiducia che c’è nella nostra gente. Ce lo chiede, anzitutto, il ricordo dei medici, degli infermieri, degli operatori caduti vittime del virus nelle settimane passate”.

Adesso dipende anche da noi: dalla nostra intelligenza, dalla nostra coesione, dalla capacità che avremo di decisioni efficaci“.

 

 

 

Etichette: nessuna etichetta

CISL BRESCIA: Uffici aperti. Accessi in sicurezza regolati su prenotazione allo 030 3844 511