GOL: riqualificareformare, reinserire al lavoro. Dalla Regione un assist (clicca QUI) che mancava

 

4.419 imprese bresciane esentate dal blocco. Altre 3mila chiedono la deroga
TORNA INDIETRO

4.419 imprese bresciane esentate dal blocco. Altre 3mila chiedono la deroga

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 28 Marzo 2020

Sono 4.419 le imprese bresciane che possono continuare a produrre in base alla rimodulazione del Decreto del Governo definita nell’intesa con le organizzazioni sindacali; rappresentano l’11,4% di quelle lombarde (il 44,3% nel milanese, il 10,5% nella bergamasca). Nella sola la Lombardia – rileva uno studio della Cisl regionale – si concentra il 18,6% delle imprese italiane escluse dal blocco per il contenimento del Coronavirus.

 

Altre 3.000 premono per la deroga

Ma in Prefettura – fa notare Alberto Pluda, segretario generale della Cisl provinciale – sono arrivate circa 3.000 richieste di deroga, imprese che non vogliono interrompere la produzione e che andrebbero ad aggiungersi alle altre 4.419. Il dato ci è stato fornito ieri durante l’ennesima videoconferenza con Palazzo Broletto. Purtroppo mentre noi abbiamo insistito per essere parte della valutazione che stabilirà la risposta da dare a queste 3.000 imprese, ci siamo sentiti rispondere dalla Prefettura che la valutazione sarà solo tecnica, e cioè se l’azienda rientra o meno nel codice Ateco, quello che individua i settori di produzione e di attività”.

 

Una valutazione solo tecnica?

La nostra valutazione su questo modo di procedere – aggiunge il leader sindacale – è fortemente critica. Ieri la Prefettura non ha fornito il database delle aziende richiedenti. A questo punto, sulla base delle decisioni che verranno prese da Palazzo Broletto, concorderemo con le nostre Categorie la verifica più rigorosa del protocollo sulla sicurezza e sulla tutela della salute che sindacati, governo e imprenditori hanno sottoscritto il 15 marzo: di fronte a qualunque inosservanza faremo segnalazioni sia all’ATS che ai Carabinieri“.

Da settimane – conclude Pluda – stiamo ripetendo che la tutela della vita viene prima del profitto, ed è la direttrice di impegno sulla quale continuiamo a muoverci“.