First Cisl, lettera ai quotidiani: troppi in banca senza vera necessità

Troppe persone, e purtroppo tra loro tantissimi anziani, si recano in banca per operazioni che non hanno nulla di urgente. Così facendo mettono a rischio la loro salute e quella dei lavoratori che stanno agli sportelli.

L’allarme viene da Andrea Di Noia, segretario provinciale della First Cisl, in una lettera pubblicata questa mattina dal Giornale di Brescia e da Bresciaoggi.

 

 

Signor direttore,

la categoria dei Lavoratori Bancari e Assicurativi della nostra Provincia, ancora oggi caratterizzata dal più elevato numero di sportelli bancari rispetto alla popolazione residente, anche grazie alle numerose Banche a vocazione locale-territoriale.

La legislazione annovera le Banche tra i “servizi pubblici essenziali”, chiamate quindi a garantire la continuità operativa anche nelle delicatissime fasi dell’emergenza sanitaria in corso.
Nei giorni scorsi le Segreterie Nazionali dei Sindacati di categoria, insieme ad ABI e Federcasse (le due associazioni di rappresentanza del mondo bancario) hanno stilato protocolli d’intesa per garantire la massima sicurezza per chi accede alle filiali: dipendenti e clienti.

Devo purtroppo constatare (condividendo in toto le sollecitazioni del Sindaco Emilio Del Bono) che ancora oggi fuori dalle Agenzie si formano code, assembramenti di Persone, in particolare anziane, le più esposte ai rischi di contagio, per chiedere informazioni, compiere operazioni facilmente eseguibili utilizzando i canali remoti e gli sportelli automatici.

La prossima settimana saranno messe in pagamento le pensioni. Gli sportellisti temono di dover gestire consistenti flussi di persone (in particolare clientela anziana) che richiederanno il saldo movimenti del proprio Conto Corrente. Utilizzate gli sportelli automatici durante l’emergenza! Nei protocolli sottoscritti da ABI e Federcasse si è convenuto di consentire l’accesso alle filiali bancari solo previo appuntamento telefonico.

Mi permetto infine di suggerire ai Sindaci e a chi presidia il Territorio, di effettuare sopralluoghi discreti e con finalità dissuasorie fuori dagli sportelli bancari e postali per evitare inutili quanto pericolosi assembramenti.

Andrea Di Noia
segretario generale First Cisl Brescia

Etichette: , , ,

CISL BRESCIA: Uffici aperti. Accessi in sicurezza regolati su prenotazione allo 030 3844 511