INAIL, per i sanitari i contagi sono infortuni sul lavoro

I contagi da Coronavirus di medici, infermieri e altri operatori dipendenti del Servizio sanitario nazionale e di qualsiasi altra struttura sanitaria pubblica o privata assicurata con l’INAIL, avvenuti nell’ambiente di lavoro o a causa dello svolgimento dell’attività lavorativa, sono tutelati a tutti gli effetti come infortuni sul lavoro“.

Lo afferma l’Istituto in una nota in cui precisa inoltre che la tutela assicurativa “si estende anche ai casi in cui l’identificazione delle precise cause e modalità lavorative del contagio si presenti problematica. Se l’episodio che lo ha determinato non può essere provato dal lavoratore, infatti, si presume che il contagio sia una conseguenza delle mansioni svolte”.

Sono ammessi alla tutela dell’Istituto gli operatori che risultino positivi al test specifico di conferma del contagio.

Il Patronato INAS Cisl è a disposizione dei lavoratori che ne hanno necessità per fornire tutta l’assistenza necessaria allo svolgimento delle pratiche; basta chiamare il numero 030 3844 756 (c’è anche un numero verde: 800 249 307), oppure scrivere a brescia@inas.it

Etichette: , ,

CISL BRESCIA: Uffici aperti. Accessi in sicurezza regolati su prenotazione allo 030 3844 511