Un grido d’aiuto dai lavoratori della sanità e dell’assistenza

Non si può fermare il Coronavirus senza una adeguata protezione al personale che assiste e cura i pazienti e gli ospiti ventiquattrore su ventiquattro! Il lavoro di cura e di assistenza non può fermarsi e la situazione è molto pesante”. E’ un grido d’aiuto quello che arriva dai sindacati della sanità di Cgil Cisl Uil.

Gli operatori degli ospedali, delle case di riposo e delle degenze per disabili, sono ormai da giorni, in una situazione oggettiva di forte stress psicofisico. Sono le stesse persone che salvano, curano e accudiscono per 365 giorni l’anno i nostri cari. Abbiamo bisogno di nuovo e ulteriore personale, per permettere all’attuale di poter staccare e avere una tregua, per tornare almeno per qualche ora, per quanto possibile, alla serenità dei loro affetti“.

 

 

Etichette: , , ,