Auchan-Conad, i Comuni della Val Trompia a sostegno dei lavoratori
TORNA INDIETRO

Auchan-Conad, i Comuni della Val Trompia a sostegno dei lavoratori

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 11 Febbraio 2020

Si è svolto lunedì, nel tardo pomeriggio, nel Municipio di Concesio, l’incontro tra amministratori pubblici e sindacati in merito alla crisi occupazionale che investe le lavoratrici e i lavoratori dell’ex Gruppo Auchan e Sma, passati alla Conad dopo l’acquisto da parte di quest’ultima dell’intera rete di vendita del marchio francese in Italia.

Oltre ai sindaci dei Comuni di Bovezzo, Concesio, Gardone Val Trompia e Lumezzane, era presente una delegazione sindacale composta dai segretari generali delle tre federazioni di categoria – Giuseppe Leone, Valter Chiocci e Roberto Maestrelli – le RSU e diversi lavoratori dei punti vendita.

Un incontro, quello promosso su iniziativa del Sindaco di Concesio, per approfondire le diverse problematiche collegate alla vertenza, a partire da quelle relative alle ripercussioni – presenti e futuri – sul fronte occupazionale.

Da parte dei quattro Sindaci è stato assicurato pieno sostegno alle richieste sindacali contenute nella mozione proposta a tutte le amministrazioni comunali provinciali in cui sono presenti punti vendita Auchan, con l’impegno su diversi fronti:

1. approvare la mozione in tempi brevi convocando con urgenza i rispettivi Consigli Comunali;
2. farsi promotori di un appello verso i Sindaci di tutti i Comuni interessati alla vertenza per favorire, in tempi brevi, la convocazione del tavolo di crisi richiesto dalle Organizzazioni Sindacali, alla Prefettura di Brescia, lo scorso 30 dicembre;
3. favorire, tramite questa iniziativa, la definizione a livello regionale di un tavolo analogo vista la rilevanza della vertenza in ambito lombardo;
4. coinvolgere tutti i parlamentari bresciani per dare vita a una mozione parlamentare sulle diverse questioni relative alla vertenza, visto che Brescia è uno dei territorio maggiormente coinvolto, con circa 1.800 lavoratrici e lavoratori diretti – 32 punti vendita, un polo logistico e una sede amministrativa – e diverse centinaia in appalto.

Intanto, nella stessa giornata di ieri, in tarda serata, il Consiglio Comunale di Brescia ha approvato la mozione all’unanimità.

Una presa di posizione importante, quella del Comune capoluogo, con l’impegno assunto dalla Giunta Comunale, nella persona del Sindaco Emilio Del Bono e dell’Assessore Marco Fenaroli a convocare in breve tempo un incontro con le Organizzazioni Sindacali. Sostegno alla mozione e solidarietà è stata espressa anche da Paola Vilardi a nome delle forze di opposizione presenti in Loggia.

Alla luce importanti prese di posizione dei Comuni di Castenedolo, Roncadelle, Brescia, Bovezzo, Concesio, Gardone VT e Lumezzane, auspichiamo di poter condividere questo importante percorso con le altre Amministrazioni Comunali, per sostenere le lavoratrici e i lavoratori e perché riteniamo che questa vertenza abbia un carattere generale per tutto il territorio della nostra Provincia.