Guarda la registrazione del convegno  E’ POSSIBILE SUPERARE L’OSTACOLO DELLE PAURE? clicca QUI

Morti sul lavoro, Brescia conferma un drammatico primato
TORNA INDIETRO

Morti sul lavoro, Brescia conferma un drammatico primato

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 29 Novembre 2019

Ancora in aumento gli infortuni mortali sul lavoro in Lombardia, in controtendenza col dato nazionale, e Brescia purtroppo conferma un drammatico primato. E’ quanto emerge dai dati INAL diffusi oggi. A livello nazionale, rispetto al periodo gennaio-ottobre 2018 ci sono state 49 denunce di infortunio mortale in meno: 896 contro le 945 del 2018 (-5,46%). In Lombardia, le denunce di infortuni mortali sono in aumento del 3%: 137, contro le 133 di gennaio-ottobre 2018.

Come detto, a livello provinciale Brescia conferma il primato primato negativo: +61%, con 29 denunce di infortunio mortale contro le 18 dello stesso periodo 2018.

 

 

Il dato relativo agli infortuni totali in Lombardia è in diminuzione dello 0,25%: da 99.531 a 99.278.

Sul fronte delle malattie professionali si rileva una stabilità: a gennaio- ottobre 2018 erano 3.439, a gennaio-ottobre 2019 3.478, con il macro settore “industria e servizi” a giocare la parte prevalente.

La patologia più diffusa è quella relativa al sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo, con 1.814 casi nel 2019, contro 1.855 nel 2018.