Difficoltà nel pagamento dell’affitto? Un aiuto arriva dal Comune

Sostenere le famiglie in difficoltà nel pagamento del canone di affitto. E’ l’obiettivo di un bando del Comune di Brescia che attraverso uno stanziamento di Regione Lombardia prevede contributi per impedire che situazioni di morosità incolpevole ridotta possano arrivare a trasformarsi in azioni di sfratto.

Il Sicet, Sindacato Inquilini Casa e Territorio della Cisl, è a disposizione degli interessati per la predisposizione della domanda. L’ufficio è aperto il martedì dalle 8,30 alle 12,30; il giovedì dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 18; il sabato dalle 8,30 alle 12. Per appuntamenti telefonici: 030 3844 760.

 

LE CONDIZIONI PER CHIEDERE IL CONTRIBUTO

Per accedere al contributo è ovviamente necessario essere residenti nel Comune di Brescia, la residenza da almeno 5 anni in Lombardia da parte di un membro del nucleo familiare, avere un contratto d’affitto valido, documentare la causa delle difficoltà nel pagamento del canone di locazione per motivi indipendenti dalla propria volontà (licenziamento, cassa integrazione, malattia grave o infortunio, mancato rinnovo di contratti di lavoro a termine), certificare un ISEE entro un valore massimo di 15mila euro.

 

FINO AD UN MASSIMO DI 1.500 EURO (MA SI PUÒ ARRIVARE A 2.500)

Il contributo, fino a un massimo di 1.500 euro, viene erogato direttamente al proprietario dell’appartamento previa dichiarazione da parte sua a non effettuare lo sfratto per almeno 12 mesi e a non aumentare il canone di affitto.
Se poi il proprietario si rende disponibile anche a modificare il canone in “concordato” o a rinegoziare, a un valore inferiore, il contratto in vigore, il contributo potrà arrivare fino a 2.500 euro.

 

DOMANDE ENTRO IL 20 DICEMBRE 

La domande per accedere al bando vanno presentate entro venerdì 20 dicembre al Servizio Casa del Comune di Brescia, in piazzale della Repubblica 1.

 

 

Etichette: nessuna etichetta