Costruzioni, il 15 novembre manifestazioni in 100 piazze

Tornano a manifestare i lavoratori delle costruzioni: non uno sciopero generale, ma una “giornata di sensibilizzazione e proposte” messa in calendario per il 15 novembre, in 100 piazze italiane.

Obiettivo di Filca Cisl, Fillea Cgil e Feneal Uil è avere certezza sulla modalità e sui tempi degli intenti che interessano il comparto annunciati dal Governo e che rappresentano un primo passo verso il rilancio del settore.

Le nostre proposte – spiega Franco Turri, segretario generale della Filca – sono chiare: una vera politica industriale in favore del settore delle costruzioni; adeguare e rilanciare la nostra rete infrastrutturale, materiale e immateriale; una vera riforma previdenziale che riconosca che i ‘lavori non sono tutti uguali’; una riforma fiscale che riduca le tasse a lavoratori e pensionati”.

I sindacati sollecitano anche interventi concreti che puntino a migliorare alcune questioni aperte: infrastrutture, legalità, sicurezza.

In questi 11 anni di crisi sono centinaia di migliaia le aziende del settore che hanno chiuso i battenti, determinando una perdita di oltre 800 mila posti di lavoro.

Etichette: nessuna etichetta