Industria metalmeccanica lombarda, la cassa integrazione cresce del 71%

I dati INPS sull’aumento della cassa integrazione trovano conferma anche nelle imprese metalmeccaniche lombarde. Lo scrive in un comunicato la Fim Cisl Lombardia che ha registrato un aumento del 71% dei lavoratori collocati in cassa integrazione rispetto al 2018. “Tradotto – si legge nella nota – significa 16.502 tute blu coinvolte negli ammortizzatori sociali rispetto alle 9.647 degli ultimi sei mesi del 2018”.

Anche i licenziamenti collettivi sono aumentati “in modo preoccupante registrando un aumento del 189%, a conferma delle preoccupazioni della tenuta del settore e del fatto che diverse imprese hanno esaurito la possibilità di utilizzo degli ammortizzatori sociali conservativi”.

I dati confermano anche il rallentamento della produzione industriale che si traduce, oltre che nell’aumento delle ore di cassa integrazione, nella riduzione delle stabilizzazione e dei contratti a tempo indeterminato. “Una situazione complicata – continua la nota – che rischia di aggravarsi ulteriormente per via del rallentamento prolungato della Germania  Il Governo deve rimettere il lavoro, l’industria e gli investimenti al primo posto dell’agenda politica”.

 

FILIERE TECNOLOGICHE E VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO

“È la dimostrazione di come i posti di lavoro non si creano per decreto – afferma la Segreteria regionale dei metalmeccanici Cisl – ma mettendo le imprese nelle condizioni di agganciare filiere ad alto valore tecnologico in grado di creare ulteriori opportunità lavorative e investendo sulla cura delle competenze e sulla valorizzazione del capitale umano. Il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici, la cui trattativa inizierà il 5 novembre prossimo, può dare una spinta decisa in questa direzione”.

 

Etichette: , , , ,