Welfare, non solo prestazioni ma un modo di vivere interdipendenza sociale

Perché in questi ultimi anni è venuto meno il consenso sociale e culturale per le necessità del welfare? Perché la politica sembra evitare di fare le scelte necessarie al mantenimento degli interventi dello stato sociale? Argomenti certamente impegnativi ma non più rinviabili. Ne ha parlato in una lunga intervista alla rivista “Animazione Sociale” il sociologo Mauro Magatti. Il testo viene riproposto nel nuovo numero di “Cibo per la mente”, la proposta di letture estive della Fnp.

 

 

Etichette: ,