A Brescia si continua a morire sul lavoro

Abitava a Mazzano ed aveva 52 anni l’addetto al carroponte del Centro Siderurgico Bresciano di via Industriale in città. Massimo Faro, questo il suo nome, è morto questa mattina travolto da una bobina di lamiera mentre stava manovrando per spostarla. La magistratura ha posto l’impianto sotto sequestro per poter ricostruire la dinamica del tragico incidente.

Etichette: ,