Non autosufficienza (1) – Loda: la Cisl per una rete sociale di tutela

Chiudiamo oggi un percorso di formazione, di condivisione e di aggiornamento sul tema della non autosufficienza che ha coinvolto responsabili sindacali, istituzioni territoriali ed esperti. L’obiettivo era e rimane quello di evitare la via facile delle soluzioni estemporanee per portare un nostro contributo nella ricerca di soluzioni etiche che mettano al centro la persona, soprattutto quando è più fragile”. Nelle parole introduttive di Maria Rosa Loda, componente della Segreteria provinciale della Cisl con delega ai temi del welfare, c’è il senso e l’obiettivo del convegno “Le sfide della non autosufficienza” in corso da questa mattina nell’Auditorium dell’Istituto Paolo VI su .

Sono molte le cause ed i problemi che possono portare ad uno scivolamento verso la non autosufficienza. – ha continuato la sindacalista – Pensiamo alla crisi economica che limita le risorse a disposizione (vale la pena ricordare che la non autosufficienza è la prima causa di impoverimento delle famiglie italiane), la crisi dei legami stabili che amplifica la solitudine, la crisi culturale che nega un ruolo per le persone più fragili più deboli, spesso viste solo come un peso inutile”

 

“Ed allora, quali sono gli strumenti da mettere in campo per affrontare uno scenario come questo? Chi deve prendere l’iniziativa? Quante e quali risorse sono necessarie? Sindacato, associazionismo e istituzioni pubbliche – ha concluso Maria Rosa Loda – possono e devono lavorare per favorire la creazione di questa rete di relazioni e di solidarietà fra la gente, le persone, la comunità. La Cisl riafferma anche attraverso questo convegno il suo impegno alla individuazione delle sinergie necessarie a dare risposte concrete ai bisogni delle fragilità sociali e in particolare al problema della non autosufficienza. A partire dalla negoziazione sociale che nel Bresciano coinvolge la maggior parte dei Comuni. Aiutare a risolvere i problemi della gente delle famiglie di chi c’è e di chi verrà è il compito di chi guarda avanti di chi pensa alla propria e alle future generazioni con altruismo e spirito di servizio”.

Etichette: nessuna etichetta