Banche, nelle 5 più grandi persi in tre mesi 2.850 posti di lavoro

Nei primi tre mesi del 2019, nelle prime cinque banche italiane – Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banco Bpm, Mps e Ubi – si sono persi 2.850 posti di lavoro e sono stati chiusi 187 sportelli; le spese del personale a marzo sono scese del 3,7% mentre nello stesso periodo questi cinque istituti di credito hanno incamerato utili per 2,7 miliardi contro i 2,3 dell’ultimo trimestre dello scorso anno.

First Cisl, il sindacato dei lavoratori delle banche e delle assicurazioni, analizza i dati e denuncia: non è possibile continuare a cercare il profitto a discapito dell’occupazione e del servizio al territorio, perché così si compromette la stessa funzione sociale dell’attività bancaria.

Etichette: ,