Imprese di pulizia, sciopero il 31 maggio per il contratto

Lavoratrici e lavoratori delle imprese di pulizia sciopereranno venerdì 31 maggio. Da oltre sei anni sono senza contratto: chiedono un salario dignitoso, tutele e diritti contro la precarietà e lo sfruttamento e regole certe, trasparenza, legalità; si vedono offrire un aumento contrattuale irrisorio in cambio alla rinuncia ai loro diritti, come il riconoscimento della retribuzione dei primi tre giorni di malattia.

Denunciando lo stallo del negoziato per il rinnovo contrattuale, Fisascat Cisl e le altre sigle lanciano anche l’allarme sui pericoli e sulle ripercussioni nel settore a causa del cosiddetto “Decreto sblocca cantieri”, un provvedimento che ripristina il massimo ribasso per l’aggiudicazione degli appalti e allarga il ricorso al subappalto senza indicazione dei subappaltatori.

Nella giornata di sciopero del 31 maggio è prevista una manifestazione nazionale a Roma.

 

Etichette: ,