Rinnovato il contratto integrativo alla Pama: più salario e più welfare

Nuovo contratto integrativo aziendale per i 340 lavoratori della Pama, azienda di macchine utensili di Rovereto con una unità produttiva e progettuale anche a Castel Mella con
65 dipendenti. L’accordo avrà durata triennale e si inserisce, scrive la Fim Cisl bresciana in un comunicato, “in un contesto di consolidamento delle relazioni industriali con confronti tra Rsu ed azienda sulle tematiche legate agli investimenti, organizzazione del lavoro, formazione professionale”.

Da gennaio 2019 ai lavoratori verrà riconosciuto un incremento economico di 400 euro della voce salariale “indennità speciale” per un totale di 1250 euro lorde annue, incrementabile annualmente di ulteriori 100 euro annue con un margine operativo lordo pari all’8% per il 2019, 9% per il 2020, 10% per il 2021”.

Il premio di risultato sarà pari a 1900 euro annue lorde, a regime, basato su tre indicatori: produttività, qualità e puntualità nelle consegne e sarà del 50% o del 100% della cifra complessiva annua in base al superamento o meno di un determinato valore del margine operativo lordo aziendale”.

L’intesa registra “un deciso investimento sul welfare aziendale prevedendo due giornate retribuite in più per il padre oltre a quanto sancito dalla normativa e in coincidenza della nascita del primo figlio, appositi congedi anche per genitori non sposati ma conviventi”.

Etichette: nessuna etichetta